domenica, 4 Dicembre, 2022
HomeCosenza“Mascherine chirurgiche fantasma”: beni sequestrati a imprenditore Calabrese

“Mascherine chirurgiche fantasma”: beni sequestrati a imprenditore Calabrese

Decreto di sequestro preventivo di beni per quasi un milione di euro nei confronti di un imprenditore di origini calabresi accusato di truffa, riciclaggio e autoriciclaggio. I carabinieri della compagnia di Velletri, con il supporto dei carabinieri della compagnia di Castrovillari (Cosenza), hanno proceduto all’elezione di domicilio del soggetto in questione nell’ambito dell’indagine su “mascherine chirurgiche fantasma”. Il sequestro preventivo ai fini di confisca, emesso dal gip presso il Tribunale di Velletri, ha di fatto colpito rapporti bancari tra conti correnti e titoli, 11 veicoli, 5 abitazioni nel comune di Altomonte (Cosenza), un’attività industriale, un locale commerciale e 4 ulteriori fabbricati costituiti da laboratori, rimesse, magazzini, oltre a 9 terreni per un totale pari a euro 972.500.

L’indagine, condotta dai carabinieri della Stazione di Ariccia, dall’aprile all’ottobre 2021, è stata avviata dopo una querela per truffa presentata dal titolare di una società nel settore della vendita di materiale medico chirurgico. Nello specifico: 6 società, facenti capo all’indagato, hanno stipulato, nei confronti di altre 13 società, contratti per la vendita di mascherine chirurgiche, nel periodo di massima emergenza pandemica da covid-19, senza mai fornire realmente la merce, pagate in anticipo. La truffa ammonterebbe ad un totale di circa 1 milione di euro.

Slide
Slide

E’ emerso inoltre “un giro di riciclaggio e autoriciclaggio, articolato su una serie di movimentazioni bancarie consistenti in finanziamenti non onerosi e finanziamenti infruttiferi, operato da sei distinte società riconducibili all’unico indagato – fanno sapere i carabinieri – nei cui confronti è stata emessa la misura cautelare reale del sequestro preventivo dei beni mobili e immobili, titoli, azioni e quote societarie, somme di denaro contante, per equivalente, fino al raggiungimento della somma che costituisce il prodotto o il profitto del reato indebitamente percepito a danni di 13 società”.

SEGUICI SUI SOCIAL

142,254FansLike
6,044FollowersFollow
391FollowersFollow

spot_img

ULTIME NOTIZIE