x

x

sabato, 2 Marzo, 2024
HomeAttualitàVideo - Rete idrica un bene da tutelare e riammodernare

Video – Rete idrica un bene da tutelare e riammodernare

Si è svolto presso il comune di Aprigliano il convegno “La soluzione Ecoreti, per l’ingegnerizzazione della rete idrica di Aprigliano: evento finale di progetto”.

Al convegno hanno relazionato, Alessandro Porco, Sindaco del comune di Aprigliano, Mario Maiolo, Dipartimento di Ingegneria- Università della Calabria, Responsabile Scientifico del progetto Ecoreti, Gilda Capano della Green Home, Demetrio Caterina, Amministratore Unico della Ecotec, Gioia De Raffaele, Dipartimento Ingegneria dell’Ambiente, Università della Calabria e Andrea Stellato sempre dello stesso Dipartimento.

Slide
Slide
Slide

L’importanza per i comuni della provincia di Cosenza e non solo chiaramente, sulla tutela e valorizzazione della rete idrica, non palesi alla cittadinanza ma che sono di fondamentale importanza come quello che è stato messo in campo in questo centro, cioè quello della ingegnerizzazione, monitoraggio e controllo delle reti idriche del comune.

L’evento pubblico è stato organizzato come percorso conclusivo al termine dei 24 mesi di attività presso la sede del comune di Aprigliano (CS), utente finale direttamente coinvolto nel progetto per le fasi tecniche e di co-progettazione, grazie al partenariato nel progetto, costituitosi con l’azienda Ecotec srl e il Dipartimento di Ingegneria dell’Ambiente (DIAM) dell’Università della Calabria.

In generale, il progetto ECORETI nasce in risposta ai fabbisogni espressi da realtà comunali regionali, durante la fase di ricognizione dei Fabbisogni avviata dalla Regione Calabria a supporto dei Bandi Living Lab (ASSE I: PROMOZIONE DELLA RICERCA E DELL’INNOVAZIONE – Obiettivo specifico 1.3: Promozione di nuovi mercati per l’innovazione – Azione 1.3.2: Sostegno alla generazione di soluzioni innovative a specifici problemi di rilevanza sociale, anche attraverso l’utilizzo di ambienti di innovazione aperta come i Living Lab).

Il partenariato, dopo un’attenta fase di ricognizione della rete, finalizzata alla definizione del modello topologico, ha condotto differenti studi finalizzati allo scopo di definire i livelli di funzionamento ottimali alla luce della rilevazione delle perdite: quest’ultima, infatti, è stata condotta mediante il confronto attivo tra modelli scientifici e applicazione di strumentazione tecnologia (aerofotogrammetria da droni, GeoRadar, Noise Logger).

Al termine della campagna di misura condotta sono state installate saracinesche e valvole di riduzione della pressione, in specifici punti individuati mediante l’analisi idraulica basata sulla suddivisione della rete in distretti omogeni (DMA – District Metered Area). La soluzione ECORETI ha in parallelo messo a punto e sviluppato un modello finalizzato all’analisi di sostenibilità basato su un approccio metabolico, definendo, assieme agli studi idraulici condotti sulla rete, un framework gestionale, a supporto di amministratori ed enti gestori, per una corretta, equa e sostenibile gestione della rete idropotabile comunale.

SEGUICI SUI SOCIAL

142,089FansLike
6,653FollowersFollow
380FollowersFollow

spot_img

ULTIME NOTIZIE