x

x

domenica, 21 Aprile, 2024
HomeCalabriaDiana morta di stenti a 18 mesi, la madre Alessia Pifferi ha...

Diana morta di stenti a 18 mesi, la madre Alessia Pifferi ha revocato il mandato ai suoi legali

Ha deciso di revocare il mandato difensivo ai suoi ormai ex legali e si è affidata ad un nuovo difensore Alessia Pifferi, la 37enne in carcere da fine luglio scorso con l’accusa di omicidio volontario aggravato per aver lasciato morire di stenti sua figlia Diana di quasi un anno e mezzo, abbandonandola da sola in casa per sei giorni. E’ emerso stamani dall’udienza davanti al gip di Milano Fabrizio Filice, che era fissata per discutere gli esiti della perizia, già emersi nei giorni scorsi, che ha escluso la presenza di tranquillanti nel biberon e nella bottiglietta d’acqua trovati vicino al corpo della bimba. La donna (originaria della Calabria,ndr) ha revocato il mandato agli avvocati Solange Marchignoli e Luca D’Auria e si è affidata al legale Fausto Teti (pare mantenga comunque il consulente difensivo Luciano Garofano, ex generale del Ris) che ha chiesto termini a difesa per meglio preparare l’udienza e il giudice ha rinviato al prossimo 8 febbraio. Mentre i pm Francesco De Tommasi e Rosaria Stagnaro nei prossimi giorni inoltreranno all’ufficio gip la richiesta di processo con rito immediato e Pifferi finirà a giudizio davanti alla Corte d’Assise milanese (rischia la condanna all’ergastolo).

Solo cinque giorni fa i legali Marchignoli e D’Auria avevano commentato gli esiti della perizia, richiesta dai difensori e disposta dal gip, spiegando che “Alessia è sempre stata genuina nel suo racconto e, sul piano giuridico” la “premeditazione manca di elementi concreti, posto che sarebbe stato l’avvelenamento della piccola Diana”. Oggi a sorpresa nell’udienza si è saputo che la donna ha revocato il mandato, tanto che davanti al giudice si è presentato l’avvocato Teti (Pifferi non si è presentata in udienza). Pifferi aveva sempre ripetuto a verbale di non aver mai somministrato benzodiazepine alla bimba. Era stato ipotizzato, invece, dagli inquirenti, anche perché nessuno dei vicini l’aveva mai sentita piangere in quei giorni e alcune tracce di tranquillanti sono state trovate, poi, in esami medici sulla bimba. Inizialmente la Procura aveva anche contestato la premeditazione tra le aggravanti, ma poi il gip l’aveva esclusa nell’ordinanza. Il giudice aveva confermato, invece, l’aggravante dell’avere agito per motivi abietti e futili, contestata assieme a quella di aver ucciso la figlia. L’imputazione della richiesta di processo immediato (si salta l’udienza preliminare) dovrebbe basarsi su quanto stabilito dal gip nell’ordinanza cautelare.

Slide
Slide
Slide

In tarda mattinata l’avvocato Franco Fausto Teti, nuovo legale di Alessia Pifferi, la 37enne in carcere da luglio scorso con l’accusa di aver ucciso la figlia Diana abbandonandola da sola in casa per sei giorni, incontrerà la donna nel carcere milanese di San Vittore. L’ha spiegato lo stesso difensore, chiarendo di non avere ancora parlato con lei faccia a faccia e che rimarrà oggi a colloquio con la 37enne per conoscerla e impostare la linea difensiva. Intanto, il legale ha chiesto al gip termini a difesa e l’udienza sull’incidente probatorio, fissata per oggi, è stata aggiornata all’8 febbraio.
(Ansa)

Leggi anche:

Parla la nonna della bimba morta di stenti a Milano: Vivo a Crotone, non potevo immaginare una cosa simile

SEGUICI SUI SOCIAL

142,056FansLike
6,771FollowersFollow
380FollowersFollow

spot_img

ULTIME NOTIZIE