giovedì, 9 Dicembre, 2021
HomeAttualitàCovid, l’Ordine professionale sospende dottori e infermieri non vaccinati

Covid, l’Ordine professionale sospende dottori e infermieri non vaccinati

Dopo due mesi dal decreto che ha introdotto l’obbligo vaccinale anti-Covid per i professionisti della sanità sono arrivate le prime sospensioni da parte delle Asl. “Abbiamo dato oggi indicazioni a tutti gli ordini territoriali che, in presenza di un accertamento da parte della Asl di operatori sanitari e medici non vaccinati, si provveda ope legis alla sospensione del medico e alla sua attività finchè lo stesso non avrà effettuato la vaccinazione anti-Covid e comunque non oltre il 31 dicembre”. E’ quanto spiega all’Ansa il presidente della Federazione nazionale degli ordini dei medici, Filippo Anelli.

Slide
02

La norma attribuisce “all’Azienda sanitaria l’accertamento della mancata osservanza dell’obbligo vaccinale dalla quale discende la sospensione ex lege dall’esercizio della professione sanitaria e dalla prestazione dell’attività lavorativa. L’accertamento viene comunicato dalla Asl all’interessato, al datore di lavoro e agli Ordini professionali perche’ ne prendano atto e adottino i provvedimenti e le misure di competenza”. A quel punto “la sospensione è comunicata immediatamente all’interessato dall’Ordine professionale. Da quanto sopra esposto emerge con chiarezza che una volta ricevuto l’atto di accertamento della Asl l’Ordine e, nello specifico, la competente Commissione d’Albo deve adottare tempestivamente delibera di Commissione avente carattere di mera presa d’atto della sospensione del professionista interessato riportando l’annotazione relativa nell’Albo”. L’Ordine infine “deve dare comunicazione all’interessato degli effetti che dall’atto di accertamento della Asl discendono che consistono nella sospensione temporanea dall’esercizio della professione fino all’assolvimento dell’obbligo vaccinale o comunque non oltre il 31 dicembre 2021. Nella comunicazione succitata dovrà inoltre essere evidenziato che nei confronti del provvedimento di sospensione è ammesso unicamente ricorso amministrativo al Tar nei termini di 60 gg. dalla data di notifica”.

Le Regioni con soggetti non vaccinati per questa categoria sul proprio territorio sono Emilia Romagna (14.390: il 7,87% rispetto al numero di operatori sanitari in tutta la Regione, dove a giorni dovrebbero concludersi le istruttorie), Sicilia (9.214 – 6,52%), Puglia (9.099 – 6,50%) e Friuli Venezia Giulia (5.671 -11,91%), Piemonte (2.893 – 1,90%), Marche (1.181 – 2,58%), Umbria (928 – 3,02%) e Liguria (172 – 0,29%).

In totale i professionisti della salute che, ancora oggi, non si sono fatti vaccinare contro il coronavirus sono il 2,3% di oltre 1,9 milioni di operatori sanitari che lavorano in Italia. E adesso, dopo 2 mesi dall’obbligo vaccinale, gli Ordini professionali, gli ospedali e le Rsa hanno fornito – o stanno ancora fornendo – i nominativi di tutti i medici e gli infermieri che hanno rifiutato di sottoporsi alla vaccinazione.

SEGUICI SUI SOCIAL

140,560FansLike
5,382FollowersFollow
328FollowersFollow
spot_img

ULTIME NOTIZIE