x

x

venerdì, 14 Giugno, 2024
HomeAttualitàCaro-carburanti, anche in Calabria il Codacons presenta una denuncia a tutte le...

Caro-carburanti, anche in Calabria il Codacons presenta una denuncia a tutte le Procure

Come annunciato nei giorni scorsi, il Codacons ha presentato una denuncia alle Procure della Repubblica di Catanzaro, Reggio Calabria, Cosenza, Crotone e Vibo Valentia nei confronti del Ministero dell’Economia e delle Finanze per appropriazione indebita e speculazione da aggiotaggio, con diffida a congelare i 2,2 miliardi di euro di accise incamerati solo nell’ultima settimana.

Anche in Calabria il caro-carburanti – è scritto in una nota- “nel corso dell’estate ha flagellato gli spostamenti dei cittadini, con un atto finalizzato a denunciare l’incredibile paradosso rappresentato dai maggiori incassi per lo Stato derivanti, sotto forma di accise, dall’aumento dei prezzi della benzina e del gasolio; e a far sanzionare pompe e grossisti responsabili di speculazioni”. Contestualmente, infatti, la denuncia è anche nei confronti delle pompe e dei grossisti”.

Slide
Tenuta delle Grazie 13_6_2024

L’Associazione – inoltre – “ricorda come gli effetti deleteri della decisione di non rinnovare lo sconto da 30 centesimi sulle accise per il 2023 fossero già stati noti da mesi, incalza il Governo anche sulle promesse elettorali più volte diffuse da parte dei suoi esponenti: nonostante le promesse infatti non c’è traccia dell’atteso taglio delle accise, e proprio le tasse sulla benzina rappresentano la mazzata finale che in questa infinita estate sta colpendo il portafogli degli italiani, con conseguenze dirette e indirette. Un’incongruenza, non certo l’unica, della quale il Governo a breve si troverà a rispondere in termini di consenso in assenza di soluzioni alternative a tutela degli automobilisti”.

Il Codacons vuole anche “capire quale sia la causa dei repentini aumenti dei listini alla pompa e se vi siano possibili manovre speculative finalizzate ad alzare i prezzi in occasione degli spostamenti dei cittadini. Per farlo, richiede ancora una volta controlli e sequestri presso gli impianti che vendono la benzina a prezzi che si discostino eccessivamente da quelli medi”.

SEGUICI SUI SOCIAL

142,034FansLike
6,832FollowersFollow
380FollowersFollow

spot_img

ULTIME NOTIZIE