martedì, 16 Agosto, 2022
HomeAttualitàVIDEO-Reggio Calabria: Celebrato il 248° anniversario della fondazione della Guardia di Finanza

VIDEO-Reggio Calabria: Celebrato il 248° anniversario della fondazione della Guardia di Finanza

Oggi, all’interno della caserma “Salvatore Caravelli”, sede del Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Reggio Calabria, si è celebrato il 248° Anniversario di Fondazione del Corpo. Nel corso della ricorrenza, alla presenza delle autorità civili, ecclesiastiche e militari della provincia, dopo la cerimonia dell’alzabandiera, è stata data lettura dei messaggi del Presidente della Repubblica e dell’Ordine del Giorno Speciale del Comandante Generale della Guardia di Finanza, Gen. C.A. Giuseppe Zafarana.

Successivamente il Comandante Provinciale, Col. t. ST Maurizio Cintura, dopo aver ringraziato tutti i presenti, ha manifestato la propria gratitudine a tutti i Finanzieri reggini per il contributo fornito quotidianamente per la tutela della legalità e la salvaguardia dell’economia sana del territorio, esortandoli, nel contempo, a proseguire con la consueta determinazione, l’impegno e la dedizione che da sempre ne contraddistingue l’operato.
Nell’ambito della cerimonia, inoltre, sono stati consegnati riconoscimenti di ordine morale ai militari che si sono particolarmente distinti in attività di servizio.
Le celebrazioni si sono concluse con la resa degli onori ai Caduti della Guardia di Finanza, avvenuta con la deposizione di una corona d’alloro presso il monumento a loro dedicato, e la successiva esecuzione lirica della preghiera del Finanziere.

Slide
Slide

GDF “A TUTTO CAMPO” CONTRO LA CRIMINALITÀ A TUTELA DI CITTADINI E IMPRESE
Nel 2021 e nei primi cinque mesi del 2022, il Comando Provinciale di Reggio Calabria ha eseguito oltre 8 mila interventi ispettivi e circa 300 indagini per contrastare gli illeciti economico-finanziari e le infiltrazioni della criminalità nell’economia: un impegno “a tutto campo” a tutela di famiglie e imprese.
LOTTA ALL’EVASIONE, ALL’ELUSIONE E ALLE FRODI FISCALI
Interventi mirati e selettivi, fondati sull’incrocio delle banche dati fiscali e di polizia, sul controllo economico del territorio e sulle risultanze delle indagini di polizia giudiziaria e valutaria, nei confronti dei contribuenti ad elevata pericolosità fiscale, hanno consentito di constatare una base imponibile sottratta a tassazione per oltre 48 milioni di euro ed iva evasa per oltre 15 milioni di euro.
Sono 20 gli evasori totali ossia esercenti attività d’impresa o di lavoro autonomo completamente sconosciuti al fisco che hanno sottratto un imponibile di oltre 5 milioni di euro ed evaso IVA per oltre 14 milioni di euro.
L’ammontare dei crediti inesistenti sequestrati è di oltre 10 milioni di euro.
78 sono i soggetti denunciati per reati fiscali, quali emissione o utilizzo di fatture false, dichiarazione fraudolenta, occultamento di documentazione contabile e indebita compensazione di crediti di imposta.

I sequestri di disponibilità patrimoniali e finanziarie eseguiti in materia ammontano a oltre 288 milioni di euro.
Nel contrasto allo sfruttamento della manodopera irregolare o “in nero”, 35 datori di lavoro sono risultati aver impiegato 56 lavoratori in “nero” o “irregolari”.
Oltre duemila sono, invece, i controlli doganali sulle merci introdotte sul territorio nazionale in evasione d’imposta, contraffatte o in violazione delle norme sulla sicurezza. Le attività di contrasto al contrabbando hanno portato al sequestro di oltre 34 tonnellate di tabacchi lavorati esteri e alla denuncia di 2 soggetti, di cui 1 tratto in arresto.
I 19 controlli e le 10 indagini contro il gioco e le scommesse illegali hanno permesso di sottoporre a sequestro 9 apparecchi e congegni da divertimento, verbalizzare 34 soggetti, di cui 1 denunciato all’Autorità giudiziaria.

TUTELA DELLA SPESA PUBBLICA
L’impegno a tutela della corretta destinazione delle misure introdotte dalla legislazione emergenziale non ha riguardato solo i bonus fiscali ma anche i contributi a fondo perduto e i finanziamenti bancari assistiti da garanzia, oggetto di 77 controlli, che hanno portato alla denuncia di 29 persone per l’indebita richiesta o percezione di oltre 600 mila euro.
Complessivamente, gli interventi in materia di spesa pubblica sono stati 736, cui si aggiungono 174 indagini delegate dalla magistratura nazionale ed europea (EPPO): 1.402 soggetti sono stati denunciati e 235 segnalati alla Corte dei conti per danni erariali pari a circa 11 milioni di euro, quasi mezzo milione dei quali in danno alle risorse destinate al sistema sanitario.
Le frodi scoperte in materia di fondi strutturali e di spese dirette gestite dalla Commissione europea ammontano a circa 4 milioni di euro, quelle in materia di incentivi alle imprese e altre uscite a carico del bilancio nazionale ammontano a oltre 37 milioni di euro, mentre si attestano a oltre 2 milioni quelle nel settore della spesa previdenziale.
I controlli sul reddito di cittadinanza, svolti in collaborazione con l’INPS, hanno riguardato, in maniera selettiva, soggetti connotati da concreti elementi di rischio. Nel complesso, sono stati scoperti illeciti per oltre 3,5 milioni di euro – di cui 2,5 milioni indebitamente percepiti e 1 milione fraudolentemente richiesto e non ancora riscosso – e sono state denunciate 239 persone.
Le persone denunciate per reati in materia di appalti, corruzione e altri delitti contro la Pubblica Amministrazione sono state 140, di cui 24 tratte in arresto.
Il valore delle procedure contrattuali risultate irregolari, in quanto interessate da condotte penalmente rilevanti, è stato di oltre 30 milioni di euro.

CONTRASTO ALLA CRIMINALITÀ ORGANIZZATA ED ECONOMICO-FINANZIARIA
In materia di riciclaggio e auto-riciclaggio sono state denunciate 35 persone, di cui 20 tratte in arresto, e sequestrati beni per un valore di circa 192 milioni di euro.
Sono state analizzate 516 segnalazioni per operazioni sospette.
In materia di reati fallimentari i beni sequestrati ammontano a oltre 1 milione di euro e sono stati denunciati 24 responsabili, di cui 3 tratti in arresto, per aver complessivamente distratto patrimoni aziendali per oltre 42 milioni di euro.
In applicazione della normativa antimafia, sono stati sottoposti ad accertamenti patrimoniali 660 soggetti, con l’applicazione di provvedimenti di sequestro per oltre 215 milioni di euro e di confisca per oltre 339 milioni di euro.
Oltre 1.000 accertamenti sono stati svolti su richiesta dei Prefetti, la maggior parte dei quali in funzione del rilascio della documentazione antimafia.
Il contrasto al narcotraffico ha portato all’arresto di 85 soggetti e al sequestro di quasi 29 tonnellate di sostanze stupefacenti, di cui 28 di cocaina.
Sul versante della contraffazione sono stati eseguiti 89 interventi e più di 18 deleghe dell’Autorità Giudiziaria, che hanno consentito di denunciare 10 persone e sottoporre a sequestro circa 128.000 prodotti industriali contraffatti, con falsa indicazione del made in Italy e non sicuri.

OPERAZIONI DI SOCCORSO E CONCORSO NEI SERVIZI DI ORDINE E SICUREZZA PUBBLICA
Nel periodo dell’emergenza sanitaria, unitamente alle altre Forze di Polizia, è stata assicurata l’attuazione delle misure di contenimento della pandemia eseguendo 138 controlli, all’esito dei quali 102 soggetti sono stati segnalati amministrativamente e 8 denunciati.
Prosegue l’azione a contrasto dell’immigrazione irregolare, svolta con il contributo della componente Aeronavale del Corpo, che ha portato all’arresto, congiuntamente con le altre Forze di Polizia, di 53 scafisti e al sequestro di 21 mezzi navali.

SEGUICI SUI SOCIAL

142,068FansLike
5,791FollowersFollow
387FollowersFollow

spot_img

ULTIME NOTIZIE