x

x

giovedì, 28 Settembre, 2023
HomeCronacaVIDEO-NOMI-Maxi operazione antimafia "Maestrale-Carthago": 81 arresti

VIDEO-NOMI-Maxi operazione antimafia “Maestrale-Carthago”: 81 arresti

Alle prime ore di oggi, nella provincia di Vibo Valentia e nel territorio nazionale, i carabinieri del Comando Provinciale di Vibo Valentia con il supporto del Reparto Crimini Violenti del ROS e di oltre 600 uomini della Legione Calabria e dei comandi territorialmente competenti, dei Carabinieri “Cacciatori” di Calabria, del Nucleo Cinofili e dell’8° Nucleo Elicotteri di Vibo Valentia, hanno eseguito un’ordinanza di custodia cautelare emessa dal G.I.P. del Tribunale di Catanzaro, su richiesta della Direzione Distrettuale Antimafia di Catanzaro, guidata dal Procuratore Nicola Gratteri, nei confronti di 84 soggetti (29 in carcere, 52 ai domiciliari e 3 dell’obbligo di presentazione alla P.G.), ritenuti responsabili, a vario titolo, di associazione di tipo mafioso, omicidio, scambio elettorale politico mafioso, violazione della normativa sulle armi, traffico di stupefacenti, corruzione, estorsione, ricettazione, turbata libertà di incanti, illecita concorrenza con minaccia o violenza, trasferimento fraudolento di valori, truffa aggravata per il conseguimento di erogazioni pubbliche e altri reati, tutti aggravati dal “metodo mafioso”. Questi vanno ad aggiungersi ai 61 fermati lo scorso 10 maggio in esecuzione di decreto emesso dalla DDA di Catanzaro, mentre sono 170 gli indagati complessivi nell’indagine.

L’attività, convenzionalmente denominata “Maestrale-Carthago”, condotta dai Carabinieri di Vibo Valentia costituisce la naturale prosecuzione della prima tranche dell’operazione, eseguita lo scorso 10 maggio, che ha consentito di disarticolare i sodalizi di ‘ndrangheta di Mileto e Zungri, con le ‘ndrine di Briatico e Cessaniti, andando a colpire inoltre le strutture di “comando e controllo” e l’“ala militare e imprenditoriale” delle rispettive organizzazioni, i cui esponenti erano già detenuti per altra causa e per questo non colpiti dal provvedimento di fermo.
Le indagini, in particolare, hanno consentito di ricostruire le dinamiche, i collegamenti e gli interessi imprenditoriali delle consorterie mafiose nella provincia vibonese, particolarmente attive nel settore estorsioni, attraverso intimidazioni e danneggiamenti ai danni di aziende edili, imprese ed esercizi commerciali operanti nel settore turistico – alberghiero della cd. “Costa dei Dei” e dei trasporti marittimi per le isole Eolie. Le investigazioni coordinate da questo Ufficio di Procura hanno messo in evidenzia le cointeressenze, gli accordi corruttivi e i forti legami della criminalità organizzata con esponenti del mondo politico e della pubblica amministrazione, evidenziando, tra l’altro, il completo asservimento dell’ASP di Vibo Valentia alle consorterie mafiose di Mileto, Limbadi e Vibo Valentia, grazie anche a funzionari e dirigenti medici compiacenti, per ipotesi corruttive e scambio elettorale politico mafioso (alcuni medici dell’ASP, alcuni dei quali non più in servizio, sono stati colpiti dal provvedimento) e forti infiltrazioni della Criminalità organizzata nel comune di Zungri e di Briatico per favorire persone compiacenti nell’assegnazione di posti messi a concorso.
Sono state inoltre ricostruite le condotte di alcuni avvocati, ritenute integranti ipotesi di reato per truffa aggravata per il conseguimento di erogazioni pubbliche nel settore dell’accoglienza dei migranti e per concorso esterno in associazione mafiosa con numerose strutture mafiose della provincia.

Slide
Slide
Slide

Inoltre, con il supporto del Reparto Crimini Violenti del ROS e grazie alle dichiarazioni di alcuni collaboratori di giustizia, è stato possibile far luce sull’omicidio di Maria Chindamo, uccisa a Limbadi il 6 maggio 2016. Vengono contestati a un indagato (Salvatore Ascone) una serie di delitti tra i quali la partecipazione all’associazione mafiosa riconducibile alla cosca Mancuso, reati in materia di armi e stupefacenti, diverse estorsioni per l’accaparramento di fondi agricoli, nonché l’omicidio, in concorso con altri due soggetti (di cui uno deceduto e uno all’epoca dei fatti minorenne) di Maria Chindamo, commesso a seguito del suicidio di Vincenzo Puntoriero (avvenuto l’anno precedente, in data 8 maggio 2015) e per punire la donna per la recente relazione sentimentale dalla stessa istaurata, venuta alla luce con la prima uscita pubblica della coppia appena due giorni prima dell’omicidio, oltre che per l’interesse all’ accaparramento del terreno su cui insiste l’azienda agricola divenuta nel frattempo di proprietà esclusiva della Chindamo e dei figli minori.
In particolare, l’indagato già tratto in arresto nel mese di maggio per il reato di associazione di stampo mafioso, è stato attinto dall’ordinanza eseguita in data odierna per avere dato un contributo causale significativo alla consumazione del fatto omicidiario, attraverso la manomissione del sistema di videosorveglianza della propria abitazione di campagna limitrofa al luogo del delitto, di fatto agevolando gli autori materiali del sequestro e dell’omicidio della donna, nonché per avere distrutto il cadavere della donna, il cui corpo, sulla scorta della ricostruzione fornita dai collaboratori di giustizia, veniva dato in pasto ai maiali e i cui resti ossei venivano triturati con la fresa di un trattore.
Nel provvedimento viene contestato a 4 indagati l’omicidio di Angelo Antonio Corigliano, commesso in Mileto il 19 agosto 2013, il cui movente è riconducibile ad una rappresaglia per vendicare l’omicidio di Giuseppe Mesiano, elemento di spicco della locale di Mileto perpetrato nello stesso centro il 17 luglio 2013. Nel corso dell’attività i militari operanti, oltre ad avere individuato un bunker in Briatico, utilizzato quale nascondiglio per sottrarsi alle operazioni di ricerca e cattura condotte dalle forze di polizia. hanno anche rinvenuto e sequestrato un fucile AK-47 Kalashnikov, un Revolver, oltre 350 munizioni di vario calibro e la somma di 86.500 euro in contanti.

C’é anche l’ex presidente della Provincia di Vibo Valentia, Andrea Niglia, di 47 anni, tra le 84 persone coinvolte nell’operazione contro la ‘ndrangheta, denominata “Maestrale-Carthago”, condotta dai carabinieri sotto le direttive della Dda di Catanzaro. Per Niglia, già indagato nella precedente “tranche” dell’inchiesta, condotta nello scorso mese di maggio, sono stati disposti gli arresti domiciliari. É finito in carcere, invece, l’avvocato Francesco Sabatino, del Foro di Vibo Valentia, lo studio del quale è stato oggetto di una perquisizione. Sabatino è accusato di concorso esterno in associazione mafiosa. Gli arresti domiciliari sono stati disposti, inoltre, per Cesare Pasqua e Francesco Massara, ex dirigenti, rispettivamente, del Dipartimento prevenzione e del Settore veterinario dell’Azienda sanitaria provinciale di Vibo Valentia. Ai domiciliari anche l’avvocato Joan Azzurra Pelaggi, ex presidente della onlus “Da donna a donna“, ed alcuni imprenditori del Vibonese.

I NOMI
Antonio Giuseppe Accorinti detto “Scimusca” (Zungri, 1959, in carcere);
Salvatore Ascone (Limbadi, 1966, in carcere);
Francesco Barbieri (Cessaniti, 1965, in carcere);
Giuseppe Barbieri (Tropea, 1992, in carcere);
Michelangelo Barbieri (Vibo Valentia, 1993, in carcere);
Fortunato Bartone (Mileto, 1973, in carcere);
Pietro Giuseppe Bellocco (Gioia Tauro, 1983, in carcere);
Domenico Cicchello (Vibo Valentia, 1972, in carcere);
Nicola Fusca (Vibo Valentia, 1972, in carcere);
Ottavio Galati (Mileto, 1968, in carcere);
Salvatore Galati (Mileto, 1955, in carcere);
Domenico Iannello (Vibo Valentia, 1977, in carcere);
Luigi Mancuso (Limbadi, 1954, in carcere);

Clemente Mazzeo (Vibo Valentia, 1968, in carcere);
Michele Silvano Mazzeo (Seregno, 1971, in carcere);
Giuseppe Mazzitelli (Tropea, 1990, in carcere);
Emanuele Melluso (Tropea, 1985, in carcere);
Simone Melluso (Tropea, 1985, in carcere);
Salvatore Palmieri (Mileto, 1976, in carcere);
Pasquale Pititto (Mileto, 1968, in carcere);
Salvatore Pititto (Mileto, 1968, in carcere);
Domenico Polito (Desio, 1974, in carcere);
Antonio Prostamo (Vibo Valentia, 1989, in carcere);
Francesco Prostamo (Vibo Valentia, 1985, in carcere);
Giuseppe Prostamo detto “Ciopane” (Mileto, 1985, in carcere);
Giuseppe Prostamo detto “Giubba” (Vibo Valentia, 1989, in carcere);
Nazareno Prostamo (Mileto, 1961, in carcere);
Francesco Sabatino (Polistena, 1979, in carcere);
Rocco Tavella (Vibo Valentia, 1984, in carcere);

Ambrogio Accorinti (ai domiciliari);
Rocco Anello (ai domiciliari);
Tommaso Anello (ai domiciliari);
Onofrio Barbieri (ai domiciliari);
Francesco Barone (ai domiciliari);
Domenico Bonavota (ai domiciliari);
Filippina Carà (ai domiciliari);
Giuseppe Carà (ai domiciliari);
Piero Castagna (ai domiciliari);
Nazareno Cichello (ai domiciliari);
Domenico Cordì (ai domiciliari);
Raffaele Corigliano (1967, ai domiciliari);
Raffaele Corigliano (2000, ai domiciliari);
Vincenzo Crudo (ai domiciliari);
Giuseppe D’Andrea (ai domiciliari);
Maria Vittoria Enrigo (ai domiciliari);
Angelo Familiari (ai domiciliari);
Antonino Fiorillo (ai domiciliari);
Claudio Fiumara (ai domiciliari);
Massimo Fortuna (ai domiciliari);
Carlo Gioffrè (ai domiciliari);
Antonio Grillo (ai domiciliari);
Antonino La Bella (ai domiciliari);
Rosario La Rocca (ai domiciliari);
Pasquale La Rosa (ai domiciliari);
Giuseppe Mangone (ai domiciliari);
Damiano Marrella (ai domiciliari);
Francesco Massara (ai domiciliari);
Fausto Melluso (ai domiciliari);
Sandro Melluso (ai domiciliari);
Salvatore Morelli (ai domiciliari);
Andrea Niglia (ai domiciliari);
Gregorio Niglia (ai domiciliari);
Cesare Pasqua (ai domiciliari);
Azzurra Pelaggi (ai domiciliari);
Maria Rosa Pesce (ai domiciliari);
Gaetano Pochiero (ai domiciliari);
Fortunato Pontoriero (ai domiciliari);
Giusepppe Preiti (ai domiciliari);
Nicola Preiti (ai domiciliari);
Antonio Prenesti (ai domiciliari);
Antonio Domenico Prestia (ai domiciliari);
Antonio Gaetano Prestia (ai domiciliari);
Giuseppe Prostamo (ai domiciliari);
Savatore Prostamo (ai domiciliari);
Ettore Romagnoli (ai domiciliari);
Marco Startari (ai domiciliari);
Antonio Tripodi (ai domiciliari);
Mattia Giovanni Tripodi (ai domiciliari);
Leopoldo Giulio Valente (ai domiciliari);
Giorgio Vurro (ai domiciliari);
Giovanni Zuliani (ai domiciliari).

SEGUICI SUI SOCIAL

142,222FansLike
6,528FollowersFollow
381FollowersFollow

spot_img

ULTIME NOTIZIE