domenica, 27 Novembre, 2022
HomeAttualitàUnilavoro Pmi, Guzzi: "Nel Decreto riaperture troppi vincoli per i ristoratori"

Unilavoro Pmi, Guzzi: “Nel Decreto riaperture troppi vincoli per i ristoratori”

Da lunedì 26 aprile l’Italia è ripartita e nelle Regioni in area gialla, sono ripartite, finalmente, tante attività commerciali, come i teatri, i bar, i musei, i ristoranti.

“Proprio questi ultimi – ha evidenziato Sebastiano Guzzi Vice Presidente Nazionale Unilavoro Pmi – hanno esternato il loro comprensibilissimo malessere. Dal momento della pubblicazione del Decreto – ha continuato – c’è stato un forte ed evidente sconcerto riconducibile appunto alle misure restrittive che vincolano l’attività dei ristoratori e non ne consentono un’efficiente ripresa”.

Slide
Slide

Dello stesso avviso il proprietario di un noto ristorante lametino, per il quale la situazione continua ad essere catastrofica. “Con il nuovo decreto legge – sottolinea con estrema sfiducia – sarà possibile mangiare nei ristoranti che dispongono di spazi esterni, ma sappiamo perfettamente che non tutti hanno questa possibilità. Rimango dunque sconcertato e fortemente deluso”.

Una visione scettica che accomuna tantissimi imprenditori del settore, per i quali questa ripresa non offrirà nessuna garanzia, dal momento che quattro tavolini posizionati all’esterno dei locali, non consentiranno di affrontare le spese a cui deve andare incontro ogni ristoratore.

Dello stesso avviso il Vice Presidente Guzzi, per il quale “questa soluzione non è delle migliori perché non assicura prospettive concrete. Il coprifuoco fissato per le 22 e l’inutilizzo degli spazi coperti sono misure restrittive che non accennano riprese a lungo termine, e che pongono limitazioni assurde”.

“Queste restrizioni – ha ribadito Guzzi – metteranno, ancora una volta, a dura prova i ristoratori poiché una perdita proficua di posti a sedere farà calare, notevolmente, il loro fatturato. Comprensibile dunque il loro scontento ed il loro scetticismo”.

“Da più di un anno -prosegue Guzzi – portiamo avanti la battaglia a difesa di tutte le aziende che hanno avuto serie ripercussioni economiche. Comprendiamo quindi, in questa fase di estrema incertezza, lo stato d’animo di tutti i ristoratori che stanno lottando, dignitosamente, per i loro diritti. Speriamo – conclude – nella possibilità che una nuova road map sia in grado di elaborare una più efficiente e strategica pianificazione di progetti e soluzioni adeguate, al fine di porre fine a tutte queste incresciose e complesse problematiche”.

SEGUICI SUI SOCIAL

142,258FansLike
6,013FollowersFollow
392FollowersFollow

spot_img

ULTIME NOTIZIE