venerdì, 9 Dicembre, 2022
HomeCronacaUndici persone in manette fra la Lombardia e Reggio Calabria

Undici persone in manette fra la Lombardia e Reggio Calabria

Nuovo colpo dei carabinieri contro la ‘ndrangheta in Lombardia. Stavolta è stata colpita la locale di Legnano-Lonate Pozzolo.
Undici le persone coinvolte, raggiunte questa mattina da un’ordinanza di custodia cautelare in carcere, eseguita nelle province di Milano, Varese, Pavia e Reggio Calabria, dai carabinieri del comando provinciale e del reparto anticrimine di Milano, con il supporto di unità speciali, cinofile ed elicotteri.
Le accuse, a vario titolo, sono di corruzione, estorsione, rapina, spaccio di sostanze stupefacenti, detenzione e porto illegale di armi da fuoco clandestine ed alterate, tra cui un potente esplosivo, incendio doloso, minaccia aggravata, favoreggiamento personale.
Condotte tutte aggravate dal metodo mafioso perché commesse per agevolare le attività consortili della locale di ‘ndrangheta di Legnano-Lonate Pozzolo.
L’attività, coordinata dalla Dda di Milano, è la prosecuzione dell’operazione “KriMIsa” dell’aprile 2017, culminata nell’esecuzione di 34 provvedimenti cautelari restrittivi eseguiti nel luglio 2019, “nell’ambito della quale era stato cristallizzato l’avvio del processo di ridefinizione degli assetti organizzativi delle famiglie di ‘ndrangheta componenti la locale di Legnano-Lonate Pozzolo, collegata alla cosca Farao-Marincola egemone a Cirò Marina e la ricostituzione della locale stessa, nonché la ramificata infiltrazione negli apparati istituzionali locali ed il condizionamento delle ultime elezioni amministrative nel comune di Lonate Pozzolo.
In quel contesto era peraltro stato arrestato un consigliere del comune di Ferno, considerato vicino alla cosca. Erano emersi anche rapporti diretti tra esponenti di spicco della cosca e vari funzionari amministrativi locali.
Tra gli indagati ci sono anche un funzionario Anas e due ufficiali della polizia locale dei comuni di Ferno e Lonate Pozzolo (Varese). Le indagini hanno documentato «rapporti e condotte illecite di due ufficiali della polizia locale dell’Unione dei Comuni di Ferno e Lonate Pozzolo (indagati ma non destinatari di provvedimenti coercitivi)». Avrebbero favorito un esponente dell’associazione mafiosa con la rivelazione di controlli ispettivi ai cantieri, e sono ancora in corso le attività di perquisizione a carico degli indagati.
Il funzionario Anas, invece, intervenuto in un cantiere di Vanzaghello dell’impresa riconducibile ad uno dei sodali della cosca, pur accertando l’assenza dei permessi necessari all’occupazione della carreggiata, avrebbe prima redatto i verbali di accertamento e poi, in seguito all’intervento dell’affiliato, li avrebbe annullati. Il geometra si sarebbe poi messo a completa disposizione per garantire il completamento dei lavori. A fronte della propria condotta corruttiva, il funzionario avrebbe anche accettato dall’appartenente alla cosca la promessa della dazione di un escavatore.

SEGUICI SUI SOCIAL

142,256FansLike
6,060FollowersFollow
389FollowersFollow

spot_img

ULTIME NOTIZIE