x

x

mercoledì, 24 Aprile, 2024
HomeCalabriaTruffa "perfetta" da un milione di euro sul vino pregiato: 34enne di...

Truffa “perfetta” da un milione di euro sul vino pregiato: 34enne di Catanzaro condannato ad Aosta

Il giudice di Aosta Marco Tornatore ha condannato Francesco Antonio Votta, 34enne originario di Catanzaro e residente nel Milanese, a un anno e sei mesi di reclusione e 500 euro di multa perchè ritenuto responsabile di una truffa da un milione di euro, messa in atto tra Milano e Cervinia, dove il titolare di un’enoteca è stato raggirato. 1.442 le bottiglie di vino pregiato, 28 bancali in tutto, che sono state fatte sparire prima di far scoprire che al posto delle banconote c’era carta straccia. La pena sarà sospesa se, entro tre mesi dalla data di irrevocabilità della sentenza, risarcirà il venditore con una provvisionale di 100mila euro e con una da 25mila euro un ristoratore cinese di Milano a cui erano state già vendute diverse bottiglie.

I fatti risalgono all’autunno 2021. Il titolare dell’enoteca era arrivato a Votta tramite un mediatore, a cui erano stati promessi 900 mila euro se l’affare si fosse concluso. “Doveva liberare il negozio – ha detto in aula la difesa di parte civile del venditore – a seguito dello sfratto ricevuto. Quella merce rappresentava tutta la sua vita e Votta, presentandosi con un altro nome, era andato a Cervinia almeno due volte per verificarla. Gli accordi prevedevano una prima tranche da 200 mila euro con un bonifico immediato, mai arrivato, poi 300 mila e, in conclusione, i 500 mila”. Un pagamento che “doveva avvenire in larga parte in nero”, ha ricordato il pm Luca Ceccanti nella sua requisitoria.

Slide
Slide
Slide

“In un mese – ha ricostruito il pm Ceccanti – si arriva alla conclusione dell’affare. Ma nessuno si fida”. Il venditore e il mediatore “vanno a Milano, dove trovano altri sodali. Non siamo riusciti a identificarli. Hanno auto di grossa cilindrata e indossano abiti costosi, per dare affidabilità finanziaria. Aprono una valigia per mostrare delle banconote, solo uno strato superficiale. Una volta convinto della loro buona fede, il venditore fa partire il vino da Cervinia. Nel corso del tragitto uno dei due camion sparisce”. Lo guida un autista calabrese di 52 anni che abita nel milanese, assolto dall’accusa di truffa “perché il fatto non costituisce reato”. Poi, prosegue il pm, “si aprono le valige, che però sono riempite di carta straccia. La truffa perfetta. La perquisizione nella cantina di Votta porta a scoprire le bottiglie, che valgono anche decine di migliaia di euro l’una”. Ma non tutte le 1.442 bottiglie sono state trovate in quella cantina, secondo la parte civile: “Ne mancano 453, per un valore commerciale di 233 mila euro. E tra quelle restituite una ventina sono danneggiate, per un danno di mille euro”. Di qui la provvisionale di risarcimento stabilita dal giudice. “Votta – ha riferito il pm in aula – era stato identificato da quattro persone diverse”. A lui si è arrivati con le indagini della polizia di Stato, grazie anche alla foto di una delle bottiglie più costose, che era apparsa sui social media. La difesa di Votta ha parlato di una “ricostruzione suggestiva della procura. Il mio assistito non è mai stato presente nella fase fondamentale, quando si organizzavano gli artifizi”.

SEGUICI SUI SOCIAL

142,050FansLike
6,779FollowersFollow
380FollowersFollow

spot_img

ULTIME NOTIZIE