venerdì, 27 Gennaio, 2023
HomeAttualitàTirocinanti, grido di dolore senza eco nella valle della Cittadella

Tirocinanti, grido di dolore senza eco nella valle della Cittadella

Lunedì scorso 7 settembre davanti alla Cittadella regionale di Catanzaro le tre sigle sindacali (Cisl,Cgl e Uil) hanno preso parte all’invito dell’assessore al lavoro calabrese Fausto Orsomarso per affrontare tra le varie tematiche la drammatica vertenza dei tirocinanti calabresi (circa 7.000) persone.

ESITO INCONTRO

Al termine dell’incontro nessuno dei rappresentanti delle principali sigle sindacali (Cisl,Cgl e Uil)  ha avuto lacrime e parole per i disperati tirocinanti calabresi molti dei quali si affidano ancora alla loro rappresentanza per il semplice motivo che i tirocinanti calabresi hanno la forza di credere nel lavoro che si trovano a svolgere quotidianamente presso Enti e Ministeri (Giustizia,Miur,Mibact) nonostante il loro status indefinito (ricordiamo che a dicembre 2019 si parlava di storicizzazione dei tirocinanti calabresi) nella centrifuga del lavoro nero legalizzato (senza alcun diritto contributivo e previdenziale e se non raggiungono il 70% delle presenze mensili non hanno diritto alle 500 € che si percepiscono).
L’incontro si è concluso con l’intenzione di portare la vertenza dei tirocinanti calabresi al cospetto del Ministero del Lavoro (in che data avverrà ciò?) e sarà discrezione dei rispettivi ministeri il da farsi.

ORSOMARSO, CINISMO O REALISMO?

Slide
Slide
Slide
Ama Calabria Gennaio

L’assessore al lavoro regionale Fausto Orsomarso afferma di non avere preso nessun impegno politico verso la drammatica vertenza dei 7.000 tirocinanti calabresi (anche se quanto era all’opposizione nella precedente giunta regionale sembrerebbe il contrario) e continua ad affermare che se fosse dipeso dalla sua persona, avrebbe preferito percorsi nel mondo privato (ricordiamo che la maggioranza dei tirocinanti calabresi provengono già dal settore privato calabrese).
Per i circa 7.000 tirocinanti calabresi in questi anni sono stati spesi 100 milioni di euro con fondi della Regione Calabria affinché venissero formati nelle aree in cui operano cioè Enti e Ministeri (Giustizia,Miur,Mibact) è il loro intervento d’azione è indispensabile tenuto conto che riescono a colmare al meglio la cronica carenza di personale offrendo servizi che altrimenti verrebbero limitati notevolmente appunto presso Enti e Ministeri (Giustizia,Miur,Mibact).

E’ L’ORA DELLA DIGNITA’

C’è necessità di prendere realmente a cuore la vertenza dei tirocinanti calabresi e di portare a conclusione il discorso concettualizzazione una volta per tutte per i tirocinanti stanchi di essere sballottati da una parte all’altra pur di portare un pezzo di pane a casa che dovrebbe essere un sacrosanto diritto visto che si parla di Repubblica fondata sul lavoro.
Non ha senso dare colpe a destra e a manca pur di distogliere l’attenzione su quanto sia importante assicurare “il sacrosanto diritto del lavoro” ai circa 7.000 tirocinanti calabresi che hanno scelto nonostante tutto e con coraggio di restare in questa terra. Seguiranno aggiornamenti.

SEGUICI SUI SOCIAL

142,256FansLike
6,157FollowersFollow
389FollowersFollow

spot_img

ULTIME NOTIZIE