Terme Luigiane, la visita di De Magistris: “Solidale coi lavoratori”

- Advertisement -
Slider

Catanzaro – “Sono stato alle Terme Luigiane ad Acquappesa, una delle realtà termali più importanti d’Italia.
Ho portato la solidarietà a centinaia di lavoratrici e lavoratori che rischiano di perdere il lavoro per l’incapacità soprattutto della Regione Calabria a gestire una fase delicata.
È inaccettabile che soprattutto ai tempi della pandemia vi possa essere il rischio di perdere il lavoro in una realtà produttiva storica e che si possa continuare a vivere una condizione instabile di precarietà.
Ho garantito alle lavoratrici e ai lavoratori impegno politico ed istituzionale massimo.
La Regione Calabria, sotto la mia guida, metterà al centro il lavoro ed affronterà questa vertenza, così come altre, con la determinazione e la forza necessaria per stare vicino al mondo del #lavoro.
Nessuno rimarrà indietro, nessuno deve perdere il lavoro per una politica inetta”.
Lo scrive su Facebook il candidato Presidente alla Regione Luigi de Magistris”
De Magistris, inoltre, in una dichiarazione, afferma che “è significativo che una giovane donna con il profilo di Daniela Ielasi abbia accettato di candidarsi nelle nostre liste.
Daniela è una giornalista, un’operatrice culturale e una youth worker.
Laureata con lode in Lingue, una tesi sui dialetti calabresi e un master sull’insegnamento dell’Italiano agli stranieri, vive a Rende e lavora nel Terzo Settore.
Scrive e coordina progetti per l’inclusione linguistica e culturale, segue volontari del Servizio Civile Universale e del Corpo Europeo di Solidarietà, organizza scambi internazionali in Erasmus+, guida tirocinanti di comunicazione, creando opportunità di formazione e lavoro per i giovani in ambito locale ed europeo.
Anima da 25 anni uno spazio autogestito all’interno dell’Università della Calabria, che è diventato fucina per associazioni, gruppi musicali e compagnie teatrali, eventi e rassegne.
Attivista politica, dai movimenti studenteschi ai No Global, continua ad esercitare e stimolare impegno, coscienza critica, cittadinanza attiva, partecipazione, coesione sociale.
Daniela ama viaggiare, conoscere altre culture, parlare altre lingue, ma crede ostinatamente nel valore e nella potenza del ritorno.
Abbiamo bisogno di donne intelligenti, libere e indipendenti come lei per cambiare la Calabria.”

- Advertisement -