Siderno (RC). Domani XII domenica di mobilitazione per la Casa della Salute

Siderno Casa della Salute

Siderno (RC) – E’ tutto pronto per la dodicesima domenica consecutiva di mobilitazione per la Casa della Salute di Siderno.
Come informa una nota diffusa dagli organizzatori Sasà Albanese e Franco Martino, infatti, “ Anche questa domenica, 21 febbraio alle ore 10,30, saremo davanti all’ospedale di Siderno.
È la dodicesima domenica di mobilitazione, sono 3 mesi che denunciamo le condizioni della sanità della Locride.
Insieme al presidio dei cittadini di Cariati, ai comitati della Piana, a Comunità Competente, coordinata da Rubens Curia, abbiamo messo in luce il disastro sanitario calabrese.
I cittadini calabresi non meritano le umiliazioni che stanno subendo a causa di una politica incompetente e collusa con i tanti interessi privati che ruotano intorno alla sanità.
Non possiamo, non dobbiamo e non vogliamo mollare, fino a quando non arriveranno risposte forti e credibili, a partire dall’utilizzo di oltre quel miliardo e mezzo di euro già impegnato, ma fermo.
Dentro questa massa di denaro ci sono i quasi 10.000.000 di € per la Casa della Salute di Siderno ed i 15.000.000 di € per l’ospedale di Locri.
Noi continueremo fino a quando non si procederà nell’impiego di queste risorse che potrebbero cambiare il volto della sanità nel nostro territorio.
Una sanità efficiente eviterebbe o ridurrebbe al minimo l’emigrazione sanitaria che per tante famiglie rappresenta una ragione di impoverimento.
Una sanità efficiente può prevenire l’aggravarsi di tante patologie che spesso portano a morte certa.
Noi ci mobilitiamo ed invitiamo tutti a farlo perché la salute è un diritto.
A Siderno è partita la vaccinazione contro il Covid, non pensiamo sia merito nostro, ma crediamo che la nostra mobilitazione sia servita a far capire, che la struttura di Siderno può offrire molto. Siamo contenti di questo piccolo segnale ma la strada è ancora lunga.
Serve coraggio nel continuare una battaglia, dovendo prendere atto del disinteresse e della rassegnazione dei cittadini, di quelli che trarrebbero il massimo vantaggio da questi servizi.
Ma ci conforta l’aver incontrato la solidarietà di tanti, in questa estenuante lotta contro un mondo di nebbie.
A partire dal nostro Vescovo, Francesco Oliva, dalla Dott.ssa Stefania Caracciolo della Commissione straordinaria di Siderno, dai mass media che ci sono stati sempre vicini, dalla RAI nazionale e ai giornalisti calabresi che non ci hanno mai lasciati soli.
In questi mesi siamo entrati in contatto con altri territori che stanno lottando per lo stesso diritto, “Centro antiviolenza Roberta Lanzino” di Cosenza, le Associazioni, “Ci siamo rotti i tabù” di Catanzaro, “www. la Calabria vista dalle donne” di Cosenza, “Società Italiana Alcologia Calabria”.
Non saremo noi a mollare. Domenica – conclude la nota – noi ci saremo”.