martedì, 4 Ottobre, 2022
HomeAttualitàSic Calabria: "Sicurezza in troppi cantieri è un optional"

Sic Calabria: “Sicurezza in troppi cantieri è un optional”

«La sicurezza in tanti, troppi, cantieri calabresi è un optional. Il rispetto delle norme di legge fissate per la salvaguardia dell’integrità fisica delle lavoratrici e dei lavoratori è carente. Prendiamo ad esempio – si legge in una nota di Slc Calabria – lo stato di fatto della provincia cosentina, quella nella quale come associazione regionale abbiamo portato a compimento un primo giro di verifica nei cantieri, grazie ai nostri Rappresentanti territoriali per la sicurezza (Rlst), per misurare il grado di rispetto delle predisposizioni di legge. Ebbene, la fotografia scattata è a tinte fosche. Non ci lascia certo ben sperare – continua l’associazione – e ci dice chiaramente che le norme finalizzate alla sicurezza delle lavoratrici e dei lavoratori non vengono assolutamente rispettate. Tutte le imprese presso le quali è stata svolta la prima visita risultano essere in regola con i documenti prescritti dalle norme. Questo rispetto, però, si ferma alla carta, si tratta di un espletamento formale dovuto per legge a partire dalla nomina dei Rappresentanti territoriali per la sicurezza. I documenti risultano essere un copia e incolla delle norme generali della sicurezza sui cantieri e non trovano alcun riscontro con l’applicazione veritiera dell’attività di cantiere. Insomma, in questo caso la forma non è sostanza!

La maggior parte delle imprese, poi, non fornisce ai propri dipendenti i Dispositivi individuali di protezione. Il materiale, dove presente in cantiere, rimane conservato gelosamente da qualche parte ed i lavoratori, soprattutto quelli impegnati in lavorazioni ad altezze superiori ai due metri, quasi mai indossano il casco. Scarsa, se non scarnissima, è apparso il grado di percezione della cultura della sicurezza. Nemmeno la pandemia da Covid-19, con le sue pesanti ricadute, pare essere stata presa in considerazione dai datori di lavoro. Il protocollo anti contagio, infatti, non è stato preso in considerazione su molti cantieri. Poca considerazione, infine, viene prestata alla cura degli ambienti nei quali le lavoratrici ed i lavoratori si ritrovano per consumare un pasto frugale o riposare nei momenti di stacco dal turno di lavoro. Con il nostro impegno – dichiara Slc Calabria – declinato nell’attento lavoro di controllo e verifica dei nostri Rlst, stiamo provando a far cambiare la percezione della sicurezza, stiamo cercando di elevare il grado di sicurezza nei cantieri distribuiti su tutto il territorio calabrese. Siamo convinti, però, che la nostra azione, pur necessaria, non possa bastare a far cambiare le cose. Siamo certi, infatti, che sia necessario un potenziamento dei servizi di controllo nei cantieri da parte degli ispettori del lavoro, la cui categoria, necessita in tempi brevissimi di un’immediato potenziamento. Così come non è più rinviabile la patente a punti per le imprese che rispettano le norme sulla sicurezza – conclude l’associazione – ed una legge sull’omicidio colposo sui luoghi di lavoro. Solo così facendo si premiano le imprese virtuose che investono in formazione e sicurezza».

SEGUICI SUI SOCIAL

142,266FansLike
5,975FollowersFollow
389FollowersFollow

spot_img

ULTIME NOTIZIE