lunedì, 28 Novembre, 2022
HomeCosenzaSan Lucido, Guardia Costiera e Polizia sequestrano impianto di lavorazione di inerti

San Lucido, Guardia Costiera e Polizia sequestrano impianto di lavorazione di inerti

San Lucido (CS) – Un impianto privato di lavorazione degli inerti è stato sottoposto a sequestro per mancata autorizzazione allo scarico in mare e il titolare è stato deferito alla Procura della Repubblica di Paola.

Gli uomini della Guardia Costiera di Cetraro e della Polizia di Stato ha individuato uno scarico abusivo attraverso il quale alcuni scarti della lavorazione di inerti giungevano dai macchinari dell’impianto fino al Torrente ‘Deuda’ del comune di San Lucido e poi infine in mare. In prossimità dei macchinari, infatti, è stata individuata un’inusuale fuoriuscita di acque dall’impianto dirette nel sottosuolo.

Slide
Slide

Dopo un’attenta fase di coordinamento ed il riscontro in mare di un notevole intorbidimento delle acque marine nei pressi della foce del Torrente ‘Deuda’, è scattato l’intervento sul posto.
L’azione ispettiva è stata pertanto estesa nelle aree limitrofe e permetteva di riscontrare un artifizio, occultato tra la vegetazione, che è risultato collegato all’impianto di lavorazione degli inerti tramite un collettamento sotterraneo. Dai controlli è altresì emerso che la ditta fosse priva di qualsivoglia autorizzazione allo scarico in mare di acque reflue.
L’attività è stata completata con l’esecuzione di alcuni campionamenti delle acque – inviati poi ai laboratori dell’Arpacal – in molteplici punti dell’impianto e del torrente ‘Deuda’ allo scopo di verificare l’eventuale sussistenza di inquinamento delle non lontane acque marine. L’impianto è stato quindi sottoposto a sequestro per mancata autorizzazione allo scarico in mare e il titolare veniva deferito alla Procura della Repubblica di Paola.

SEGUICI SUI SOCIAL

142,253FansLike
6,013FollowersFollow
392FollowersFollow

spot_img

ULTIME NOTIZIE