lunedì, 3 Ottobre, 2022
HomeCalabria"Rinascita-Scott", accolta ricusazione: nuovo processo per il boss Luigi Mancuso

“Rinascita-Scott”, accolta ricusazione: nuovo processo per il boss Luigi Mancuso

Si terrà davanti a un nuovo collegio di giudici il processo ‘Rinascita-Scott’ per quanto riguarda la posizione del boss Luigi Mancuso. La Corte d’Appello di Catanzaro ha emesso un’ordinanza con la quale accoglie la dichiarazione di ricusazione di Luigi Mancuso, boss di Limbadi, difeso dagli avvocati Francesco Calabrese e Paride Scinica, nei confronti dei giudici Brigida Cavasino e Danila Gilda Romano, rispettivamente presidente e giudice a latere del maxi processo.

Mancuso, detto “Il Supremo”, è accusato di associazione per delinquere quale membro apicale dell’intera area della ‘ndrangheta Vibonese e dell’ articolazione di Limbadi. L’ordinanza della Corte d’Appello è stata emessa in seguito alla sentenza “Nemea” del cui collegio giudicante avevano fatto parte sia Cavasino che Romano.

Slide
Slide

La Corte richiama alcuni passaggi delle motivazioni delle sentenza del processo Nemea istruito contro la cosca Soriano, che “viene descritta – scrivono i giudici della Corte d’Appello – in imputazione come articolazione della ‘ndrangheta vibonese, al cui vertice sarebbe posto Luigi Mancuso, per come affermato nella stessa sentenza Nemea”. Per la Corte “la valutazione dell’operatività del Mancuso nel ruolo apicale operata nel processo Nemea al fine di valutare la posizione associativa dei Soriano, fondata sulla valutazione di fonti di prova in parte coincidenti con quelle del processo ‘Rinascita-Scott’, ha senz’altro integrato una valutazione di merito sullo stesso fatto associativo per il quale è imputato nel processo in corso. Di conseguenza, ciò concretizza l’ipotesi di ricusazione”.

SEGUICI SUI SOCIAL

142,268FansLike
5,972FollowersFollow
388FollowersFollow

spot_img

ULTIME NOTIZIE

Blitz a Crotone i NOMI

Blitz a Crotone: i NOMI degli indagati

L’operazione di questa mattina, riguardante l’articolazione criminale denominata "locale di ‘ndrangheta di Mesoraca"...