sabato, 4 Febbraio, 2023
HomeAttualitàRFI ha presentato il nuovo intervento presso Commissione Ambiente e Trasporti della...

RFI ha presentato il nuovo intervento presso Commissione Ambiente e Trasporti della Camera

Lo scorso 3 febbraio RFI ha presentato, nel corso di un’audizione presso la Commissione Ambiente e Trasporti della Camera dei Deputati, i nuovi interventi infrastrutturali previsti nella penisola. Tra questi é inclusa la realizzazione di “una nuova linea a standard AV realizzabile per fasi funzionali” fra Salerno e Reggio Calabria. La costruzione é progettata in maniera tale da minimizzare “gli impatti sul territorio” coerentemente “con gli investimenti in corso e programmati”.
Come sottolinea Ettore Simone Durante, coordinatore dell’Unione delle Associazioni della Riviera dei Cedri e del Pollino, movimento di 60 associazioni che da tempo si batte per l’Alta Velocità, “pur essendo estremamente cauti e realisti quanto previsto é molto positivo e rappresenta un forte messaggio di speranza per il Sud”.
Al momento i lotti previsti sono tre: Salerno-Battipaglia, Battipaglia-Praja ed il raddoppio della galleria Santomarco fra Paola e Cosenza.
Per quanto riguarda il primo “il progetto prevede una nuova linea, a standard AV/AC, di estesa di circa 127 km che collega Battipaglia ricongiungendosi sulla linea esistente a Praia”.
Per quanto corcerne il secondo invece é previsto “un quadruplicamento della tratta a standard AV/AC di estesa di circa 40 km”.
Il risparmio di tempo previsto sarebbe di 45 minuti, ciò vorrebbe dire che se oggi in Frecciargento fra Roma e la Riviera dei Cedri si impegnano 2 ore e 45/50 minuti, un domani i tempi di percorrenza ammonterebbero a circa 2 ore. Questo vorrebbe poter dire rivoluzionare anche il settore Turismo la cui funzione é, come fa notare il Presidente UNPLI della Provincia di Cosenza Antonello Grosso La Valle, “interconnessa al sistema economico con momenti integrati settoriali e territoriali e con importanti capacità moltiplicative di reddito, occupazione e consumi”. É dunque una “funzione turistica ad ampio respiro dato il coinvolgimento di enti pubblici e privati”.
Come é noto le linee AV/AC consentono una velocità massima, a seconda dell’alimentazione, di 250/300 km/h sia per i treni passeggeri che per i treni merci.
L’itinerario previsto in questo progetto é senza dubbio il migliore in quanto attraverso le varie fermate previste si riuscirebbero ad intercettare importanti bacini di utenza, soprattutto nel periodo estivo quando la Calabria é meta di migliaia di turisti (il solo comprensorio della Riviera dei Cedri, che in estate il più popoloso della regione, supera le 500.000 presenze). Con questo itinerario poi si accorcerebbero anche i tempi per raggiungere Potenza e Taranto. Il Presidente del Consorzio Operatori Turistici Diamante & Riviera dei Cedri Gianfranco Pascale auspica però che “l’eventuale realizzazione di una nuova rete vada di pari passo con il potenziamento di quella già esistente”
Per la realizzazione di questa nuova ferrovia però, al momento, non sono stati stanziati fondi, il costo ammonterebbe a 9.800 M. Al contrario sono stati inseriti nel recovery found il raddoppio della Galleria Santomarco fra Paola e Cosenza e la costruzione della nuova stazione di Settimo di Montalto. Sono ovviamente previste le costruzioni di altre stazioni per l’interconnessione fra le nuove linee e quelle tradizionali.
Dopo Praja i treni potrebbero proseguire sulla linea tradizionale, in dirvesi tratti già ammodernata. Il progetto però prevede anche una prosecuzione verso Sud, la ferrovia da Praja proseguirebbe fino a Tarsia e da lì a Cosenza; poco prima di Lamezia Terme la linea tornerebbe sul Tirreno per continuare fino a Reggio Calabria passando per Gioia Tauro. Nel progetto sono altresì previste ipotesi alternative di tracciato come quella del tunnel nel Pollino.
Non sappiamo se quanto previsto nei documenti sarà effettivamente realizzato né tantomeno i tempi che sicuramente non saranno brevi. Sappiamo però che le associazioni e la società civile seguiranno con attenzione tutte le fasi e sollecitaranno le Istituzioni. Il Presidente dall’Associazione Ferrovie in Calabria, Roberto Galati ha definito questa una “battaglia ancora molto lunga” ma come sottolineato dal Consigliere dell’Accademia internazionale del Cedro Armando Forte é necessario intraprenderla perché “le nuove infrastrutture sono un volano di sviluppo indispensabile anche per promuovere i prodotti agroalimentari calabresi”.
(c.s.)

SEGUICI SUI SOCIAL

142,245FansLike
6,172FollowersFollow
390FollowersFollow

spot_img

ULTIME NOTIZIE