giovedì, 30 Giugno, 2022
HomeCalabriaReggio Calabria, iniziato il processo d'appello a Mimmo Lucano. Legali all'attacco della...

Reggio Calabria, iniziato il processo d’appello a Mimmo Lucano. Legali all’attacco della sentenza di condanna

Reggio Calabria – Dopo la condanna, in primo grado, a 13 anni e 2 mesi di reclusione per associazione a delinquere, truffa, peculato, falso e abusi d’ufficio, è iniziato il processo d’Appello a Mimmo Lucano, l’ex sindaco di Riace.

Davanti al collegio della Corte d’Appello di Reggio Calabria, presieduto dal giudice Giancarlo Bianchi, nell’udienza di oggi, c’è stata la costituzione delle parti e, subito dopo, è iniziata la relazione del giudice a latere che proseguirà nell’udienza del 6 luglio.

Slide
Slide
Slide

Sul banco degli imputati, oltre a Lucano, ci sono altre 17 persone coinvolte, a vario titolo, nell’inchiesta della Guardia di finanza sul cosiddetto “modello Riace” e sulla gestione dei progetti di accoglienza dei migranti. L’ex sindaco non era presente in aula dove c’era, invece, il suo avvocato Andrea Daqua in rappresentanza anche dell’altro difensore, l’europarlamentare Giuliano Pisapia. Entrambi i legali, nelle motivazioni d’appello, hanno chiesto la riapertura dell’istruttoria dibattimentale sostenendo che il Tribunale di Locri, con la sentenza di condanna, ha eseguito una “lettura forzata se non surreale dei fatti” tesa, in sostanza, a “dichiarare a ogni costo responsabile Lucano”.

La richiesta degli avvocati di Lucano, così come quella dei difensori degli altri imputati, sarà discussa subito dopo le relazioni dei giudici a latere che potrebbero concludersi già nell’udienza del 6 luglio. A differenza del processo di primo grado, in cui il Tribunale di Locri ha vietato l’ingresso in aula delle telecamere, la Corte d’Appello di Reggio Calabria ha accolto la richiesta delle varie testate giornalistiche.

SEGUICI SUI SOCIAL

141,920FansLike
5,735FollowersFollow
389FollowersFollow

spot_img

ULTIME NOTIZIE