x

x

mercoledì, 24 Aprile, 2024
HomeCalabriaRapimento lampo e "misterioso" della 15enne a Catanzaro: Arrestati due uomini a...

Rapimento lampo e “misterioso” della 15enne a Catanzaro: Arrestati due uomini a Torre Annunziata

Un misterioso rapimento lampo ha scosso Catanzaro domenica sera, quando una ragazzina di 15 anni è stata sequestrata, forse a scopo di estorsione, e poi abbandonata a Marcellinara. Le indagini su questo enigmatico episodio sono condotte dalla polizia squadra mobile di Catanzaro e dal Commissariato di Ps di Torre Annunziata (NA). Aniello Agnello, 36 anni, e Francesco Izzo, 32 anni, entrambi con precedenti penali e legami sospetti con il clan Gionta di Torre Annunziata, sono stati arrestati nella loro città natale. La notizia è stata riportata questa mattina dal quotidiano “Il Mattino”.

I due uomini sono stati individuati nelle loro abitazioni e arrestati in esecuzione di un fermo emesso d’urgenza dalla Procura della Repubblica guidata da Nicola Gratteri. Sono accusati di sequestro di persona a scopo di estorsione. La vicenda si è svolta a Catanzaro domenica sera, quando la giovane vittima stava guidando la sua minicar elettrica.
È stata bloccata e costretta a salire a bordo di una “Lancia Y”, per poi essere abbandonata circa un’ora dopo a Marcellinara. La posizione della ragazza è stata individuata grazie a un’applicazione sul telefono del padre. Fortunatamente, la 15enne è stata ritrovata spaventata ma in buone condizioni.

Slide
Slide
Slide

Le indagini sono in corso, e molte domande rimangono senza risposta. Si cerca di capire il motivo del rapimento della giovane, se ci siano messaggi o motivazioni dietro questo atto o se si sia trattato di uno scambio di persona. Inoltre, l’implicazione di individui con legami criminali di Torre Annunziata solleva ulteriori interrogativi sullo sfondo di questo enigmatico caso.
Al momento, Agnello e Izzo sono detenuti in carcere, in attesa dell’interrogatorio per la convalida del fermo dinanzi al giudice del tribunale di Torre Annunziata. Successivamente, gli atti saranno trasmessi per competenza territoriale a Catanzaro, dove i due indagati potranno difendersi dalle gravi accuse. Nel frattempo, le indagini continuano a gettare luce su questa misteriosa vicenda.
(Fonte: ilgazzettinovesuviano.com)

SEGUICI SUI SOCIAL

142,050FansLike
6,779FollowersFollow
380FollowersFollow

spot_img

ULTIME NOTIZIE