x

x

venerdì, 23 Febbraio, 2024
HomeItalia MondoParigi, uccide turista tedesco al grido di 'Allah Akbar': l'aggressore era già...

Parigi, uccide turista tedesco al grido di ‘Allah Akbar’: l’aggressore era già stato arrestato nel 2018

(Adnkronos) – Terrore ieri sera a Parigi vicino alla Torre Eiffel. Una turista tedesco, di origine filippina, è stato ucciso e due persone sono rimaste ferite. Su quanto accaduto sta indagando la procura nazionale antiterrorismo francese. La vittima – ha appreso Le Figaro da una fonte della polizia – ha ricevuto diversi colpi alla testa, alla schiena e alle spalle. Uno dei feriti, un turista inglese, è stato colpito a un occhio con un martello. A prendersi cura di lui sono stati i vigili del fuoco."Le loro vite non sono in pericolo", ha detto il ministro dell'Interno d'Oltralpe Gérald Darmanin che si è recato sul posto dell'aggressione. Una quarta persona, il compagno della vittima uccisa, è "sotto shock", secondo le parole del ministro dell'Interno.  L'assassino ha iniziato la sua follia mortale poco dopo le 21 tra il molo di Grenelle e Bir-Hakeim. Ha attaccato prima il turista tedesco. È poi fuggito attraversando il ponte Bir-Hakeim grazie all'intervento di un tassista che ha visto la scena. È stato quindi inseguito da una squadra di agenti di polizia del 7° Arrondissement e ha aggredito le altre due persone. Quando i quattro agenti di polizia sono scesi dal loro veicolo per arrestare il sospettato, quest'ultimo "teneva le mani nel cappotto dicendo di avere addosso dell'esplosivo" e ha tentato di scappare. Di fronte alle minacce, uno degli agenti ha sparato "due volte" con il suo taser, ha spiegato il ministro degli Interni. 
Islamico radicalizzato, Armand R. era già stato arrestato nel luglio 2018 per un'azione violenta, poi condannato a cinque anni di carcere, di cui un anno con la sospensione. Classe 1997, è nato in Francia ed è di nazionalità francese ma di è origine iraniana, riporta Le Parisien. Era nella lista S dell'Islam radicale e avrebbe detto alla polizia di voler morire da martire perché non sopportava che "gli arabi venissero uccisi in tutto il mondo". Era in cura psichiatrica, secondo il ministro Darmanin. È stato messo in custodia di polizia per omicidio e tentato omicidio. L'ufficio del procuratore nazionale antiterrorismo ha preso in carico il caso.  —internazionale/[email protected] (Web Info)

SEGUICI SUI SOCIAL

142,094FansLike
6,649FollowersFollow
380FollowersFollow

spot_img

ULTIME NOTIZIE