x

x

martedì, 16 Aprile, 2024
HomeCalabriaNuovo atto intimidatorio in cantiere della SS 106: incendiati due mezzi meccanici...

Nuovo atto intimidatorio in cantiere della SS 106: incendiati due mezzi meccanici usati per lavori terzo macrolotto

Ancora un atto intimidatorio in un cantiere dei lavori del terzo macrolotto della Statale 106 Ionica nel tratto Sibari – Roseto Capo Spulico. Nella notte persone non identificate hanno dato fuoco a due mezzi meccanici, un escavatore e a un “merlo sollevatore”, posti in un cantiere sito sul lato nord del torrente Raganello, del comune di Cassano allo Ionio.

Si tratta del secondo atto intimidatorio che si consuma su un cantiere del terzo macrolotto in quindici giorni, sullo stesso territorio. Nella notte tra il 24 e il 25 maggio scorsi, infatti, ignoti avevano incendiato una gru cingolata all’interno del cantiere di contrada “Fornara” sempre nel territorio di Cassano allo Ionio. Da quanto si è appreso i due mezzi meccanici dati alle fiamme nella notte sarebbero di proprietà del consorzio Sirjo Webuild. Sul posto sono intervenuti i vigili del fuoco del distaccamento di Castrovillari. Su quanto accaduto indagano i carabinieri della compagnia di Cassano allo Ionio.
(Ansa)

Slide
Slide
Slide

Sulla vicenda la Filcams Cgil Calabria “si unisce alla solidarietà ed alla richiesta di attenzione rivolta alle Istituzioni da parte della Fillea Cgil rispetto all’ennesimo episodio di violenza ai danno della Webuil che lavora alla costruzione del megalotto SS106. Giusto il richiamo all’istituzione di un tavolo permanente in Prefettura che tuteli le lavoratrici ed i lavoratori che operano nell’intero appalto, compresi i servizi di vigilanza e guardiania, così come mense e pulizie. Un atteggiamento che auspichiamo cambi rispetto al passato, visto che proprio i lavoratori della vigilanza privata e guardiania che operavano nel cantiere, si sono visti sbattere le porte in faccia dalle Istituzioni mentre rivendicavano legalità e rispetto per il loro lavoro e la loro vita.
Sarebbe utile a partite dagli episodi criminali che invece di ridurre i servizi di vigilanza, l’ente appaltante investa in maggiore sicurezza dando così più possibilità occupazionali nel territorio e aumentando il livello di attenzione e di controllo. L’illegalità si combatte anche con il lavoro, soprattutto qui in Calabria dove il ricatto e la povertà stanno dilagando”.

SEGUICI SUI SOCIAL

142,079FansLike
6,757FollowersFollow
380FollowersFollow

spot_img

ULTIME NOTIZIE