x

x

sabato, 2 Marzo, 2024
HomeCalabriaNOMI-Operazione "Olimpo": Oltre ai boss Vibonesi nella rete imprenditori, funzionari pubblici e...

NOMI-Operazione “Olimpo”: Oltre ai boss Vibonesi nella rete imprenditori, funzionari pubblici e del sindacato

Fra i boss arrestati nell’ambito dell’operazione “Olimpo” portata a termine oggi dalla Polizia e coordinata dalla Dda di Catanzaro guidata dal procuratore Nicola Gratteri. ci sono anche nomi di peso delle cosche di ‘ndrangheta vibonesi: Luigi e Diego Mancuso, Giuseppe Accorinti, Antonio La Rosa, Francesco La Rosa, Antonio Accorinti, Paolino Lo Bianco, Vincenzo Barba. Ma ci sono anche nomi di spicco dell’imprenditoria vibonese, ma anche funzionari della pubblica amministrazione, oltre che del sindacato, fra gli arrestati dell’operazione antimafia.

Con l’accusa di concorso in tentata estorsione pluriaggravata è stato arrestato il sindacalista Gianfranco La Torre, già vicesindaco del Comune di Ricadi, ex consigliere provinciale a Vibo Valentia, esponente storico del centrodestra vibonese (Forza Italia). Secondo l’accusa sarebbe stato l’esecutore materiale di richieste estorsive dei boss ai danni di un’impresa edile. Indagato per traffico di influenze illecite l’ex dirigente della Regione Calabria, Pasquale Anastasi (fotino al centro), attuale presidente della Fondazione dedicata alla defunta mistica di Paravati Natuzza Evolo.
Ad Anastasi, che ha ricoperto l’incarico di dirigente regionale fino al 31 dicembre 2016, viene contestato il reato di traffico di influenze illecite. In particolare, secondo gli inquirenti l’ex dirigente della Regione Calabria, sfruttando la rete relazionale intessuta con i vertici dell’apparato amministrativo dell’ente in anni di lavoro, si sarebbe fatto promettere indebitamente da Vincenzo Calafati, responsabile Tui per la Calabria, nonché presunto referente della ‘ndrangheta del Vibonese per uno specifico affare, ingenti somme di denaro come “consulenza” prestata in favore del Tour operator Tui e della direzione del Tui Magic Life di Pizzo, per attuare una mediazione illecita nei confronti dei vari apparati regionali finalizzata alla predisposizione, pubblicazione e successiva selezione dei vincitori delle procedure di evidenza pubblica già avviate e/o da bandire.

Slide
Slide
Slide

Ai domiciliari è finito anche un altro funzionario della Regione Calabria, Rodolfo Bova (fotino a sinistra), di 57 anni. In carcere anche l’ex assessore regionale al Lavoro, Francescantonio Stillitani (fotino a destra), che insieme al fratello Emanuele (imprenditore) è accusato di estorsione aggravata ai danni del direttore di un complesso turistico di Pizzo.
Ai domiciliari pure Rocco Gramuglia, segretario dell’attuale prefetto di Vibo, e il funzionario della Prefettura di Vibo Michele Larobina. Sono indagati per rivelazione di segreti d’ufficio.

SEGUICI SUI SOCIAL

142,089FansLike
6,653FollowersFollow
380FollowersFollow

spot_img

ULTIME NOTIZIE