Nesci: “Con superamento criterio spesa storica, inizia riduzione divario tra Nord e Sud”

Dalila Nesci

Roma – “Esprimo massima soddisfazione per il superamento del criterio della spesa storica per asili nido e funzioni sociali. Portiamo a casa un risultato importante per i cittadini nell’ottica dell’azzeramento del divario tra Nord e Sud. Buona parte del merito per l’esito di questa battaglia politica lo dobbiamo all’impegno della Vice Ministra dell’Economia on. Laura Castelli che con tenacia si è battuta per tutelare i diritti sociali dei cittadini più svantaggiati”. E’ questo il commento della sottosegretaria al Sud, on. Dalila Nesci.

“Scardiniamo finalmente – sèiega – uno schema che ci ha tenuti imbrigliati a lungo: gli anziani, i disabili, gli asili nido potranno contare sulle stesse risorse pro-capite a prescindere dalla loro appartenenza geografica. I nuovi obiettivi, sanciti dalla Commissione tecnica per i fabbisogni standard del MEF, saranno una boccata d’ossigeno in particolar modo per i comuni del Sud. Verranno così incrementate le risorse finanziarie da dedicare ai servizi domiciliari, ai centri educativi, ai centri sociali per gli anziani e alle case famiglie. Se fino a ieri Reggio Calabria aveva a disposizione 78 euro per abitante, da oggi ne avrà a disposizione 102”.

“Un ringraziamento va infine alla Ministra per il Sud e la Coesione Territoriale On. Mara Carfagna per il lavoro che sta portando avanti nell’attuazione dei LEP – Livelli Essenziali di Prestazione”- conclude Dalila Nesci.