giovedì, 29 Settembre, 2022
HomeCronaca'Ndrangheta, traffico internazionale di droga: blitz della Polizia a Gioia Tauro

‘Ndrangheta, traffico internazionale di droga: blitz della Polizia a Gioia Tauro

Reggio Calabria – Presso il chiosco di rivendita di bibite ed alimenti della famiglia De Maio – nelle adiacenze del Pontile del “Lungomare” di Gioia Tauro – sono stati documentati, grazie alle video-riprese delle telecamere piazzate dagli investigatori, veri e propri summit finalizzati alla gestione del narcotraffico sul territorio e volti a disporre la spartizione dei territori, alla risoluzione delle problematiche nei rapporti interpersonali, tra appartenenti allo stesso schieramento, ovvero nei rapporti con altre ‘ndrine operanti nella zona.
Gli esponenti della ‘ndrina De Maio-Brandimarte ricevevano gli appartenenti ad altre ‘ndrine della Piana di Gioia Tauro, certificando, così, il riconoscimento di quest’ultima da parte delle cosche storiche della ‘ndrangheta: gli Alvaro di Sinopoli, i Pesce, i Cacciola ed i Bellocco di Rosarno, tanto che tutti hanno inviato i propri emissari a Gioia Tauro. Nel corso delle indagini i poliziotti del Commissariato di Gioia Tauro hanno arrestato in flagranza di reato 16 indagati e sequestrato cospicui quantitativi di droga ed armi.
Le accuse per i 19 indagati, due dei quali irreperibili al momento dell’esecuzione della misura cautelare e attivamente ricercati, sono a vario titolo, di associazione per delinquere di tipo mafioso, associazione per delinquere finalizzata al narcotraffico internazionale, concorso in detenzione, vendita e cessione a terzi di sostanze stupefacenti, anche in ingente quantitativo, concorso in detenzione di armi e munizioni, danneggiamento, estorsione ed altri reati. Personaggio-chiave e punto di partenza delle investigazioni si è rivelato il 64enne Pasquale De Maio, detto “u Rapinu”, secondo l’accusa boss dell’omonima consorteria mafiosa, tratto anch’egli in arresto stamane, soggetto di estrema pericolosità sociale, gravato da numerosi precedenti, ritenuto elemento di spicco della ‘ndrine federate, in nome e per conto delle quali egli ha sempre operato, particolarmente attivo a cavallo degli anni ‘80 e ‘90, quando guerre di mafia seminavano il terrore nelle strade dei principali centri della Piana di Gioia Tauro.
Il “Rione Marina” e il “Lungomare” di Gioia Tauro erano diventati “quartier generale” ed “enclave” della consorteria mafiosa, luogo ideale per intrattenere incontri riservati tra appartenenti al sodalizio, ricevere boss, gregari e personaggi di rilievo di altre articolazioni ‘ndranghetiste, anche in pieno giorno, approfittando della protezione che i luoghi hanno offerto, anche grazie alla tacita connivenza degli abitanti.
Una cosca mafiosa vera e propria ed un gruppo dedito al narcotraffico ma collegato alla ‘ndrangheta. Con l’operazione “Joy’s Seaside”, condotta stamani dalla Polizia di Stato e coordinata dalla DDA di Reggio Calabria, sono state colpite due organizzazioni. Le indagini del Commissariato di Gioia Tauro, condotte da aprile 2017 fino ad oggi con l’esecuzione di 17 misure cautelari (di cui 2 ai domiciliari), hanno accertato l’attuale esistenza e operatività della cosca De Maio-Brandimarte, una volta federata al gruppo Molè, a sua volta un tempo facente parte del cartello Piromalli-Molè fino all’omicidio di Rocco Molè. La ‘ndrina De Maio-Brandimarte, così, si era ritagliata uno spazio tutto suo, all’interno di parte del lungomare di Gioia Tauro, che era diventata la roccaforte della consorteria criminale e principale piazza di spaccio per la sostanza stupefacente, in particolare cocaina, hashish e cannabis sativa.

SEGUICI SUI SOCIAL

142,269FansLike
5,955FollowersFollow
388FollowersFollow

spot_img

ULTIME NOTIZIE