Le capitali di Pollino e Sila al voto nel cosentino

elezioni cosentino
- Advertisement -

Saranno 106.596 gli abitanti della provincia di Cosenza chiamati alle urne per le prossime amministrative che si terranno il 20 e il 21 settembre nei 19 Comuni del territorio. Diciannove amministrazioni comunali che rinnovano i propri consigli comunali e, ovviamente, i primi cittadini. Quasi tutte vanno a elezioni “normali”, nessuna dopo scioglimento per mafia.

- Advertisement -

I Comuni che vanno al voto nel cosentino, in ordine alfabetico, sono Campana, Castrovillari, Cerzeto, Cetraro, Dipignano, Grisolia, Orsomarso, Papasidero, Piane Crati, Pietrapaola, Roggiano Gravina, San Fili, San Giovanni in Fiore, San Lorenzo del Vallo, San Lucido, San Pietro in Guarano, Sant’Agata d’Esaro, Scalea e Tortora.

Tutte sfide interessanti ma dove, oggettivamente, svettano quelle che si terranno a San Giovanni in Fiore e Castrovillari, capitali delle due montagne che regnano in provincia di Cosenza: Sila la prima e Pollino nel secondo caso.

A San Giovanni in Fiore i candidati a sindaco sono 7, vale a dire uno ogni 2558 abitanti. Non sarà ricandidato l’attuale primo cittadino Pino Belcastro, molto legato all’ex governatore Pd Mario Oliverio, che ha perso le primarie di coalizione contro il suo presidente del consiglio comunale Domenico Lacava che sarà, dunque, in corsa.

I bene informati, sulla vetta della Sila, dicono che gli uomini dell’ex governatore (che non hanno per nulla digerito la sconfitta alle primarie), potrebbero segretamente appoggiare la candidata del centrodestra, senza Lega, Rosaria Succurro, assessore comunale a Cosenza e fortemente voluta come candidato sindaco nella sua città natale dalla governatrice Santelli.

La Lega il proprio candidato lo ha voluto ed è Antonio Lopez. Ci riprova Antonio Barile, già sindaco di centrodestra che per ben due volte si è ritrovato senza maggioranza, e Salvatore Mancina che sindaco lo è stato a Cerisano, dal 2011 al 2015, ma che è il figlio di Giovanni, ex storico sindaco comunista di San Giovanni in Fiore.

Completano la corsa i candidati a sindaco Piero Silletta e Domenico Caruso.

Al voto anche la capitale del Pollino Castrovillari dove si ricandida l’attuale sindaco Mimmo Lo Polito sostenuto dal centrosinistra. Esattamente come cinque anni fa correrà per la poltrona più importante di Palazzo Gallo anche Giuseppe Santagada che venne sconfitto al ballottaggio da Lo Polito per soli 11 voti. Sei liste di centrodestra per il candidato Giancarlo Lamensa. Il candidato del Movimento 5 stelle è Giuseppe Campanella mentre l’unica candidata sindaco donna è Vittoria Bianchi.