mercoledì, 25 Maggio, 2022
HomeAttualitàVIDEO-Lamezia, inaugurazione anno giudiziario alla presenza del ministro della Giustizia

VIDEO-Lamezia, inaugurazione anno giudiziario alla presenza del ministro della Giustizia


Lamezia Terme – Così come fatto ieri in Cassazione, anche oggi, il ministro della Giustizia Alfonso Bonafede, prendendo la parola nel corso della cerimonia di inaugurazione dell’anno giudiziario di Catanzaro che si è svolta nell’aula bunker di Lamezia Terme, ha sottolineato di essere “in carica per gli affari correnti” e, dunque, di astenersi “da qualsiasi considerazione di indirizzo politico”. “Mi atterrò – ha aggiunto – all’esposizione generale dell’attività portata avanti dal Ministero nel 2020 esimendomi, per doveroso rispetto dei rapporti istituzionali”.
“Il Ministero, nell’anno appena trascorso, ha dato impulso alla verifica di impatto di alcune leggi, anche al fine di consentire la ricognizione delle migliori prassi applicative e lo studio di eventuali correttivi”- ha aggiunto. “Mi riferisco, nello specifico al Rapporto sull’applicazione del cosiddetto Codice Rosso che, come noto, ha introdotto numerose misure per fronteggiare la grave piaga della violenza sulle donne; al progetto di collaborazione interistituzionale sul sistema di contrasto ai fenomeni corruttivi denominato ‘Alleanza contro la corruzione’ cui partecipano i vertici delle massime istituzioni giudiziarie ed economiche del Paese: i Presidenti di Corte di Cassazione, Consiglio di Stato, Corte dei Conti, Procura Nazionale Antimafia e Antiterrorismo, Procuratore generale presso la Corte di Cassazione, Anac, Governatore della Banca d’Italia”.
Per Bonafede, inoltre, “È importante soffermarsi sull’impegno profuso dal Ministero nel portare avanti, nonostante l’emergenza sanitaria, gli investimenti che sono indispensabili per supportare con maggiori risorse l’efficienza della macchina della giustizia. E’ proseguito il piano ordinario triennale di assunzioni di oltre 13.000 unità: in particolare, nel 2020 si è avuto il reclutamento di 1163 unità di personale amministrativo, delle quali 142 (ovvero oltre il 10%) destinate agli uffici del distretto di Catanzaro”.
“Proprio per scongiurare gli effetti negativi della pandemia sullo svolgimento delle procedure selettive – ha proseguito – il Decreto Rilancio ha semplificato tali procedure consentendo ad esempio che, entro la primavera di quest’anno, possano prendere servizio presso questo distretto oltre 100, tra cancellieri e direttori (5 unità nella qualifica di direttore e di 111 unità nella qualifica di cancelliere) nonché di un congruo numero di operatori giudiziari a tempo determinato. Sono state poste le basi normative, amministrative e finanziarie affinché, a livello nazionale, entro il 2021, il servizio giustizia possa avvalersi del contributo di circa 7.000 donne e uomini in più. Analoga attenzione è stata riservata alla magistratura, portando a compimento l’aumento delle piante organiche (di 600 unità), previsto già con la Legge di Bilancio 2019. Infatti, con decreto ministeriale 14 settembre 2020 sono state rideterminate le piante organiche degli uffici giudiziari di merito, prevedendo la distribuzione in aumento di 422 magistrati, di cui 14 unità aggiuntive per il distretto di Catanzaro. Inoltre, il 30 ottobre 2020 è stata inviata al Consiglio Superiore della Magistratura la proposta di determinazione delle piante organiche flessibili distrettuali, un contingente di 176 magistrati chiamato a far fronte alle specifiche criticità di rendimento di ciascun distretto”.

SEGUICI SUI SOCIAL

141,820FansLike
5,709FollowersFollow
389FollowersFollow

spot_img

ULTIME NOTIZIE