Lamezia, chiude Trame.10. Tizian: cinque giorni di racconti, incontri, storie e ospiti

Giovanni Tizian

Lamezia Terme – Ha chiuso, domenica sera, la decima edizione di ‘Trame- Festival dei libri sulle mafie”. Il direttore artistico Giovanni Tizian trae un breve bilancio.

“Gli incontri in programma in questi cinque giorni – dice -hanno avuto un filo narrativo. Ogni serata c’era un filo che conduceva chi ascoltava in piazza, nel Chiostro o nella saletta del Chiostro. Questo filo che portava lungo un racconto. Un racconto fatto da tanti ospiti, da Nicola Gratteri Pif e Gianni Speranza l’ex ministro Provenzano e poi Riccardo Iacona e l’ex ministro dell’Ambiente Sergio Costa. E abbiamo parlato anche di Covid e del disastro della sanità in Italia e in Calabria. Una delle serate più emozionanti è stata quella in cui abbiamo parlato del territorio di questa città, Lamezia, le storie delle vittime dimenticate, le storie di resistenza sul territorio e il modo di raccontare questa terra in 30 anni di giornalismo italiano”.

Quest’anno, in occasione della decima edizione, è partita anche una petizione molto importante per ristabilire verità e giustizia per due vittime innocenti di ‘ndrangheta, Francesco Tramonte e Pasquale Cristiano. Un duplice omicidio risalente a trenta anni fa, nel 1991, due netturbini, giovanissimi, uccisi per una storia mai chiarita. Per loro non c’è stata mai verità, mai un vero processo.
Trame.10 ha, quindi, promosso l’iniziativa chiedendo di riaprire le indagini con l’aiuto della cittadinanza, di tutti i lametini, dei calabresi, ma anche di tutto il paese. Si firma su Change.org. Anche la redazione di calabrianews invita a sottoscrivere la petizione. Firmate.