La Regione ribadisce: misurazione febbre in supermercati e centri commerciali

- Advertisement -

Catanzaro – In una nota del delegato del soggetto attuatore regionale dell’emergenza coronavirus, Antonio Belcastro (nella foto) si sottolinea che in riferimento all’obbligo di indossare le mascherine sono esentati da tale obbligo gli alunni delle scuole quando sono posizionati nei propri banchi e rispettano il distanziamento sociale (allegato 4 Ordinanza n.63/2020); i clienti delle attività di somministrazione (ristorazione, bar e similari ), durante la consumazione; le persone che effettuano sport all’aperto.

In relazione all’obbligo di rilevazione della temperatura corporea, si precisa che nel caso degli alunni delle scuole e del personale scolastico, sussistendo la responsabilità del controllo presso le rispettive abitazioni e prima di recarsi verso l’istituto scolastico, la disposizione non si applica a tali soggetti. Lo stesso obbligo non si applica nei confronti dei docenti e degli studenti universitari L’obbligo di rilevazione della temperatura corporea riguarda le attività (economiche, produttive e ricreatIve, di cui all’ordinanza n. 55/2020 e s.i.m. ), per le quali era già prevista in maniera facoltativa. In particolare per quanto riguarda il commercio al dettaglio, l’obbligo è pertanto, applicabile unicamente a supermercati e centri commerciali. La Regione Calabria ha inteso precisare alcuni passaggi dell’Ordinanza anticovid emanata ieri.