x

x

sabato, 24 Febbraio, 2024
HomeCatanzaroIncendio mezzi cantiere Catanzaro Lido, ALA chiede riunione Comitato Ordine e Sicurezza...

Incendio mezzi cantiere Catanzaro Lido, ALA chiede riunione Comitato Ordine e Sicurezza Pubblica

Nella notte è stato incendiato un mezzo di cantiere dell’azienda ‘Domus Costruzioni’ di Simone Aiello a Catanzaro Lido. “L’ultimo atto vile ai danni della ditta si inserisce in un contesto già allarmante di illegalità all’interno di un’area tornata alla ribalta della cronaca per le situazioni che la caratterizzano. I quartieri Corvo, Aranceto, Pistoia e lido, sottoposti ad un controllo quasi asfissiante, sono infatti oramai di difficile accesso persino per le forze dell’ordine”. E’ quanto scrive l’associazione Antiracket lametina Ala.

“L’area di lido in particolare, in cui è avvenuto l’atto intimidatorio, – sottolinea Ala – costituisce uno dei principali fortini della criminalità in quanto punto di riferimento per lo sviluppo della città con decine di attività commerciali frequentate da studenti e professionisti. L’ennesima intimidazione ai danni dell’imprenditore Aiello, socio dell’Associazione Antiracket lametina Ala, fa seguito alle minacce già subite negli ultimi tempi dopo la denuncia che aveva contribuito al blitz dello scorso aprile che aveva portato all’arresto di 62 persone con un’operazione coordinata dalla Procura della Repubblica – Direzione Distrettuale Antimafia di Catanzaro. Il provvedimento aveva messo in luce l’autonomia capillare nel controllo del territorio raggiunta dalla comunità rom. Dopo essersi sviluppato come elemento di supporto operativo nei confronti dei clan di Isola Capo Rizzuto, Cutro e Catanzaro con le cosche Arena, dei Grande Aracri e dei Gaglianesi, nel corso degli anni il clan degli zingari, infatti, ha acquisito maggiore autonomia fino a diventare un gruppo mafioso con un proprio programma criminale, una sua autonomia strutturale e operativa rispetto alle altre cosche di ‘ndrangheta. L’attentato mette in luce l’importanza di mantenere misure di sicurezza nei cantieri edili e impone all’intera comunità, non solo a magistrati e forze dell’Ordine, di rimanere vigili”.

Slide
Slide
Slide

“In risposta alla situazione fortemente preoccupante, che nega agli imprenditori la possibilità di lavorare e fare impresa in sicurezza, Ala, manifestando la propria solidarietà e il proprio supporto al socio Aiello, l’Associazione Antiracket lametina Ala, chiede che vengano adottate tutte le misure necessarie per prevenire ulteriori episodi simili in futuro, per l’imprenditore già vessato e per chiunque faccia impresa nella stessa area, e fa appello alle istituzioni affinché prendano coscienza dell’emergenza e intervengano in maniera decisiva e concreta sul territorio. Inoltre, verrà richiesta in giornata la convocazione d’urgenza del Comitato per l’Ordine e la Sicurezza Pubblica. E’ necessario agire in fretta per frenare il clima asfissiante e le ingerenze nello sviluppo imprenditoriale ed economico che rendono invivibile il territorio catanzarese”.

SEGUICI SUI SOCIAL

142,097FansLike
6,650FollowersFollow
380FollowersFollow

spot_img

ULTIME NOTIZIE