x

x

mercoledì, 29 Maggio, 2024
HomeAttualitàInaugurazione anno giudiziario a Catanzaro, Reillo: Manca cultura di sistema per contrastare...

Inaugurazione anno giudiziario a Catanzaro, Reillo: Manca cultura di sistema per contrastare ‘ndrangheta e violenza

Catanzaro – “Purtroppo quanto manca alla politica sulla giustizia è una cultura di ‘sistema’ che parta da dati concreti, rilevati nel territorio, e che si faccia carico di effettuare proiezioni di fattibilità, rispetto agli organici e alle dotazioni nonché alla conseguibilità degli obiettivi enunciati. Invece assistiamo a un affastellarsi di riforme che si susseguono senza che prima vengano verificati gli effetti della riforma precedente, nel perseguimento di meri effetti propagandistici”. Lo scrive il presidente vicario della Corte d’appello di Catanzaro, Gabriella Reillo, nella relazione per l’inaugurazione dell’anno giudiziario del Distretto di Catanzaro.

“Le riforme procedurali – prosegue Reillo – vengono rappresentate come quelle più incisive e determinanti per abbreviare i tempi di definizione dei procedimenti e assicurare un più equo contraddittorio. Ma se andiamo a vedere in concreto il rito non è risolutivo, come è resto evidente da quanto accaduto in questi anni e delle fortissime differenze di performance a livello territoriale. Non mi dilungherò sul contenuto della riforma Cartabia, che pure contiene norme apprezzabili, ma devo rilevare che anche questa riforma è permeata dall’illusione di ridurre i tempi processuali, civili e penali, attraverso una riduzione dei termini. Sembra non si si renda conto – sostiene il presidente vicario della Corte d’appello di Catanzaro – che i tempi processuali non sono ritardati da termini eccessivamente lunghi bensì dall’eccessivo carico giudiziario che si abbatte sulle Procure e sui Tribunali, dalle endemiche e rilevanti scoperture degli organici, dal collo di bottiglia che si verifica nelle Corti d’appello quanto a sopravvenienze e risorse per la loro evasione. E’ inoltre stata persa l’occasione di ristrutturare il rito alla luce della nuova prospettiva della giustizia digitale”. Nella relazione Reillo poi osserva: “Ugualmente nel settore penale la riduzione dei tempi per le indagini preliminari si scontra da un lato con l’elevato numero di fattispecie penali che unitamente al principio della obbligatorietà dell’azione penale scaricano sulle scrivanie dei pm centinaia di procedimenti al giorno, dall’altro con la complessità e gravita di vari reati che spesso, a prescindere dalla loro natura, necessitano di accertamenti istruttori specialistici e approfonditi. Ancora, con la previsione della improcedibilità in appello, istituto anch’esso fondato sulla riduzione dei termini, il legislatore ha riversato sulle spalle della magistratura la propria pavidità, non avendo avuto il coraggio di prevedere una seria depenalizzazione, atteso il dilagante populismo giustizialista. Con la conseguenza che – rileva il presidente vicario della Corte d’appello di Catanzaro – l’improcedibilità si risolverà in una amnistia e per tutti i reati, anche quelli più gravi, qualora dovesse attribuirsi alla norma natura sostanziale, alla stregua degli orientamenti della giurisprudenza di legittimità e costituzionale. Sebbene vada dato atto che questa volta la propaganda è rivolta all’Europa e non più banalmente all’elettorato dei vari partiti, come avviene normalmente, non per questo possiamo tacere dell’incapacità della riforma di incidere sui problemi sostanziali della giustizia”.

Slide
Slide
Slide
ragi

“La Procura di Vibo Valentia – si legge poi nella relazione – presenta una notevolissima produttività, seconda solo a quella di Catanzaro, nonostante l’elevata scopertura di organico in rapporto alla forte presenza ‘ndranghetistica sul territorio e alla circostanza che la provincia di Vibo risulta essere quella con il più alto tasso di crimini violenti di tutto il territorio nazionale. Il dato purtroppo si invera nell’avvenuta commissione nello scorso anno, in quel circondario, di 17 reati di omicidio, consumato e tentato”.
Questi i dati contenuti nella relazione del presidente vicario della Corte d’appello di Catanzaro: Procura di Catanzaro 17.471 procedimenti sopravvenuti, 17.934 definiti, 4.955 pendenti; Procura di Castrovillari 4.792 sopravvenuti, 4.114 definiti, 6.8569 pendenti; Procura di Cosenza 4.972 sopravvenuti, 4.941 definiti, 2.351 pendenti; Procura di Crotone 4.347 procedimenti con un tasso di smaltimento pari allo 0,8; Procura di Lamezia 5.955 sopravvenuti, 7.621 definiti, 3.116 pendenti; Procura di Paola 2.721 sopravvenuti, 2.133 definiti, 3.538 pendenti; Procura di Vibo Valentia 11.023 sopravvenuti, 17.178 definiti, 5.394 definiti.

“Va poi denunciato un allarmante aumento dei procedimenti riguardanti la violenza di genere”. Aggiunge Gabriella Reillo.
Solo nel circondario di Catanzaro – si legge poi nella relazione – i procedimenti iscritti nell’anno per stalking sono stati 126, rispetto ai 72 dell’anno precedente, e 214 per maltrattamenti in famiglia. Rispetto ai 93 dell’anno precedente. Dati che parlano da soli quanto alla gravita’ ed estensione del fenomeno soprattutto ove si consideri che lo stesso continua a rimanere in larga misura sommerso. Sono stati commessi due femminicidi nei circondari di Crotone e Vibo Valentia, sintomatici di un dramma epocale che va ben al di là del nostro Distretto ove si consideri che l’omicidio di donne da parte di ex partners rappresenta all’incirca la metà degli omicidi commessi in tutto il paese”.

SEGUICI SUI SOCIAL

142,034FansLike
6,832FollowersFollow
380FollowersFollow

spot_img

ULTIME NOTIZIE