x

x

venerdì, 8 Dicembre, 2023
HomeItalia MondoIl trattamento delle salme dei morti da Coronavirus

Il trattamento delle salme dei morti da Coronavirus

Come se non bastasse aver passato gli ultimi istanti della propria vita da soli, la triste verità sulle regole del trattamento delle salme è innanzitutto senza vestizione. Le salme non devono essere spogliate dagli abiti che portano indosso, non posso essere lavate, ricomposte nell’aspetto, le salme vanno avvolte in un lenzuolo imbevuto di disinfettante e composti all’interno di una duplice cassa. “Tranne nei casi in cui si può escludere con certezza la positività al coronavirus delle persone defunte, negli altri tutti i morti devono essere trattati secondo il principio di precauzione come potenzialmente infettive”. “Sono da escludere la tanatocosmesi e le altre attività”, e “manipolate il meno possibile”. Vanno inoltre evitati “gli spostamenti che potrebbero provocare fuoriuscite di aria dai polmoni, oltre che materiali biologici infetti”. Dopo la chiusura, il feretro va disinfettato in tutte le sue parti “perché il virus resiste alle superfici e potrebbe ancora contagiare” sia gli operatori funebri che i parenti della vittima. Sono queste le regole diffuse da Utilitalia agli operatori del settore funebre. E in ultimo come già previsto dai precedenti decreti, non ci sarà il rito funebre. Le operazioni di sepoltura avvengono l’una dopo l’altra: per questo si è reso necessario l’uso dell’esercito che aiutano a portare via molte, troppe bare su un numero troppo alto di mezzi militari.

SEGUICI SUI SOCIAL

142,170FansLike
6,532FollowersFollow
380FollowersFollow

spot_img

ULTIME NOTIZIE