domenica, 28 Novembre, 2021
HomeCalabriaIl cantautore è pronto ad infiammare il pubblico calabrese nei concerti di...

Il cantautore è pronto ad infiammare il pubblico calabrese nei concerti di Cirella e Reggio con Fatti di Musica

Dischi d’oro, tour da tutto esaurito e un rapporto con il pubblico che diventa sempre più caloroso e stimolante. Per il cantautore Aiello è un momento artisticamente felice e adesso il pubblico calabrese è pronto ad applaudirlo nelle due date regionali organizzate all’interno della rassegna Fatti di musica di Ruggero Pegna, il 21 agosto al teatro dei ruderi di Cirella di Diamante e il 24 agosto al Castello aragonese di Reggio.

02
02

Tutto era iniziato con la partecipazione di Aiello al festival di Sanremo dove l’emozione lo aveva penalizzato (trasformandolo anche nel protagonista di bonari meme sulle doti canore da urlatore). Lui, ultimo in classifica, aveva seraficamente postato su Instagram lo screen di un altro Sanremo, quello del 1983, dove all’ultimo posto si era posizionato un certo Vasco Rossi con “Vita spericolata”. E in compenso, come spesso accade dopo la kermesse sanremese, le radio avevano subito premiato la canzone del 36enne cosentino bocciata dalla giuria, con passaggi che hanno consolidato il già importante seguito giovanile di questo originale artista. Due album, “Ex voto” e “Meridionale” (a cui è dedicato l’attuale tour) e tanti singoli di successo, da “Arsenico” alla hit “Fino all’alba ti sento”, che si discosta dalle tendenze estive per sperimentare nuove sonorità urban pop, oggi enucleano di diritto Aiello tra i nomi principali della nuova generazione musicale italiana.

E’ un anno speciale e foriero di soddisfazioni, che però si era aperto con una performance non eccellente a Sanremo. Invece poi il brano “Ora” è andato benissimo, fino al disco d’oro, e il tour ancora meglio. Crede che questa esperienza, soprattutto per un giovane artista, può essere un esempio di come non bisogni mai farsi scoraggiare, andando avanti in quello che si crede anche quando si fa qualche scivolone?

«Se una performance non eccellente scoraggiasse i sogni e le ambizioni di chiunque, vorrebbe dire che non erano grandi sogni e grandi ambizioni. E poi la gente sa capire e scegliere sempre, non appena ha il tempo e il respiro per farlo, in piena autonomia e mi hanno regalato un oro bellissimo».

Sui social spesso mostra la sua amicizia con i cantautori della sua “cricca” anagrafica (ricordo gli auguri a Fedez per la nascita della figlia, ma anche le birre condivise con un Giuliano Sangiorgi che ha detto di considerarti fonte di ispirazione). A chi di loro si sente particolarmente legato, anche sul piano musicale?

«E’ vero, ho rapporti buoni con molti, ma purtroppo non profondi come vorrei, perché questi ultimi due anni sono stati complicati anche su questo piano… Ho diverse cene da recuperare con diversi amici (parlo dei colleghi)».

E tra gli artisti storici, c’è qualcuno che ammira o ha influenzato il suo lavoro?

«Dalla, Battisti e Rino Gaetano sono i tre giganti che ammiro e ascolto da sempre»

Nei suoi brani racconta storie sentimentali intense e difficili. Come è cambiato nel tempo l’amore (e le relazioni)?

«L’amore nasce semplice ma noi l’abbiamo complicato parecchio, i social su tutto hanno reso più difficili e artificiosi sia la fase preliminare che il cuore del rapporto … quasi invidio i miei nonni».

I concerti calabresi sono stati lungamente attesi dai suoi fan conterranei che non hanno potuto seguirla nelle date geograficamente più lontane. Come si sta preparando a questo importante appuntamento?

«Ho il cuore in gola, sotto pelle il fuoco… non vedo l’ora. Finalmente!»

Quale impatto sta avendo in chi come lei lavora nello spettacolo la nuova difficoltà del green pass anche per gli spettacoli all’aperto? 

«E’ un limite, per alcuni, ma si tratta dell’unica strada al momento per ripartire e noi vogliamo ripartire».

Si definirebbe un artista urbano o di periferia?

«Intanto già auto-definirsi artisti è un atto importante..io direi Meridionale»

Di ardente passione da ragazzo del Sud è intrisa la lunga dedica al suo pubblico che Aiello ha postato su Instagram dopo il concerto tenuto a Messina. Paragonando il tour a un’intensa storia d’amore, il cantautore scrive: «Due anni di rinunce, di rimandi, di “e se dopo tutta questa astinenza vanno via?”, di “..vedrai, tu sei destinato”. Ma come può crescere una storia d’amore senza fare l’amore, senza avere fame di pelle tutte le notti, e poi ritrovarsi tutte le volte che si vuole? In questi mesi pesanti oramai alle spalle..avevo paura di perdervi. E invece noi abbiamo resistito a tutto, alle distanze, ai rimandi, al Covid maledetto..Noi siamo diventati più forti anche senza esserci mai toccati… Per tutto il live, vi ho cercato negli occhi, singolarmente… eravate tutt* così bell*, tutt* Ho capito cosa voglio fare da grande.. Voglio fare l’amore con voi per sempre».

Isabella Marchiolo

SEGUICI SUI SOCIAL

140,480FansLike
5,379FollowersFollow
327FollowersFollow
spot_img

ULTIME NOTIZIE