Grande Ospedale Metropolitano, migliorano le condizioni del sindaco di Locri

- Advertisement -
Slider

Reggio Calabria (RC) – Migliorano le condizioni del sindaco di Locri Giovanni Calabrese, ricoverato dallo scorso 4 gennaio al Grande Ospedale Metropolitano di Reggio Calabria per complicazioni sopraggiunte dopo essere stato contagiato dal CoVid19.

- Advertisement -

Calabrese, 51 anni, è sindaco del centro ionico dal maggio del 2013 e probabile candidato alle prossime elezioni regionali nella lista di Fratelli d’Italia, partito al quale ha aderito dopo i trascorsi giovanili nel Fuan e in Alleanza Nazionale e un lungo periodo in cui, pur rimanendo fedele ai propri ideali, non si era collocato in alcun soggetto politico sovracomunale.

La foto a corredo del pezzo, pubblicata sul suo profilo facebook, lo ritrae con la mascherina dell’ossigeno, dalla quale non si separa mai, insieme al medico di origine locrese Peppuccio Ieropoli (in servizio al GOM), definito dallo stesso sindaco di Locri il suo “Angelo custode” durante la degenza.

Calabrese aveva contratto il Covid tra Natale e Capodanno, dopo che tutti i suoi familiari conviventi erano stati contagiati, e inizialmente era stato sottoposto a terapia domiciliare. Successivamente, in seguito all’insorgere di una polmonite bilaterale, è stato trasferito al GOM, laddove, come ha comunicato lo stesso primo cittadino di Locri via social network “Ho trovato un reparto di primissimo livello, con medici e primario preparati e sensibili. Oggi – ha scritto alla nostra redazione – sto decisamente meglio. La terapia sta funzionando e i valori sono sotto controllo. Spero di tornare presto a casa”.

Oltre che sindaco di Locri, è anche delegato per il settore “Sanità” dell’Associazione dei Comuni della Locride e di recente è stato eletto nel comitato dei sindaci presso l’Asp di Reggio Calabria.