Giustizia, Cgil lancia allarme: “Personale carente negli uffici del distretto di Catanzaro”

«Se non si provvederà a implementare, con la massima urgenza, il personale degli uffici giudiziari e del distretto della Corte d’Appello di Catanzaro (che conta 7 tribunali) si rischia di rendere vano parte dell’eccezionale lavoro d’indagine svolto dalla Procura di Catanzaro e dalle forze dell’ordine nell’inchiesta denominata “Rinascita Scott”».
A lanciare l’allarme è la Funzione pubblica della Cgil Area Vasta, che comprende le province di Catanzaro, Crotone e Vibo Valentia, che invita: «il Governo, e in particolare il Ministro della Giustizia, a potenziare gli organici attualmente inidonei ad affrontare procedimenti di tale dimensioni».
«In Italia, negli ultimi anni, si è assistito a un’inversione di tendenza in ordine alle assunzioni del personale giudiziario. Ben poca attenzione, però, è stata posta nei confronti della Calabria, regione con uno dei più alti tassi di criminalità organizzata. Dopo circa 20 anni di blocco del turn-over e anche a causa di numerosi prepensionamenti di coloro che hanno fruito della cosiddetta ‘quota 100’, gli uffici giudiziari calabresi hanno assistito a un forte depauperamento delle risorse umane- segnala il sindacato. Le poche assunzioni disposte negli ultimi mesi – già insufficienti a far fronte al normale carico di lavoro – oggi risultano del tutto inadeguate a sostenere il peso di un maxiprocesso con 334 detenuti ed oltre 400 imputati. A breve ci si troverà davanti a decine e decine di udienze, con centinaia di ordini di traduzione, di notifiche e di videoconferenze che richiederebbero l’impiego di personale, anche altamente qualificato, destinato esclusivamente a questo maxiprocesso».
Pertanto, la FP Cgil Area Vasta chiede «un immediato ed eccezionale provvedimento di assunzioni – attraverso lo scorrimento delle graduatorie vigenti, nonché tramite il Decreto sicurezza bis, di prossima pubblicazione, finalizzato allo smaltimento dell’arretrato degli uffici giudiziari – per far sì che le indagini effettuate dalla Procura di Catanzaro e dalle forze dell’ordine possano trovare un giusto epilogo nella conclusione del maxiprocesso in tempi rapidi e si assesti, finalmente, un colpo significativo alla criminalità organizzata».