Focolai di Catanzaro, verso la normalità S.Vitaliano e Fondazione Betania

rsa catanzaro
- Advertisement -
Slider

 

- Advertisement -

(NDL) Due tra le Rsa più in vista nella città di Catanzaro hanno ormai il contagio sotto controllo.

Si tratta del centro clinico S.Vitaliano, situato nel popoloso quartiere di Mater Domini e di Fondazione Betania, in quello di Santa Maria.

S. VITALIANO

Il dott. Bonaventura Lazzaro, direttore sanitario del Centro Clinico San Vitaliano, ha riferito a CalabriaNews che dopo il focolaio sviluppatosi nello scorso mese di novembre 2020, successivamente nessun nuovo caso di infezione di Covid-19 si è verificato tra i pazienti ricoverati nei vari reparti del Centro Clinico.

Da allora, con l’adozione ed il mantenimento di tutte le misure per la protezione, la prevenzione e il contenimento dell’infezione messe in atto dal momento dell’affacciarsi della “seconda ondata”, il numero dei soggetti affetti da Covid-19 è andato progressivamente scemando.

Ad oggi il numero dei pazienti ricoverati ancora positivi al test per il Covid-19 è di uno (1), adeguatamente isolato e asintomatico; quello degli operatori è di tre (3) anch’essi asintomatici e attualmente in quarantena domiciliare.  

BETANIA

Anche a Fondazione Betania c’è un cauto ottimismo. Il focolaio rilevato il 18 dicembre presso una delle strutture, Casa Mimosa, è orami circoscritto ed in via di negativizzazione.

Come conferma a CN il dott. Tonino De Marco, componente del cda, dei 50 ospiti positivi  sugli 80 presenti il numero è praticamente abbattuto (20 guariti e 30 in fase di negativizzazione).

I due decessi hanno interessato pazienti dal quadro clinico molto compromesso.

Molto difficile soprattutto in queste settimane sostituire gli 11 operatori sanitari interessati dalla quarantena. Del resto la struttura opera in regime di emergenza finanziaria accreditando ancora 6 mensilità arretrate, tre del 2020 ed altrettante del 2019.

Altra nota di merito è stata quella di aver supplito all’isolamento dei pazienti, facendoli contattare i familiari in modalità video attraverso un sistema di tablet che ne ha attenuato le distanze proprio nel periodo delle feste natalizie.