x

x

domenica, 14 Luglio, 2024
HomeAttualitàEscort Advisor, aumenta la richiesta di sesso a pagamento e la Calabria..."primeggia"

Escort Advisor, aumenta la richiesta di sesso a pagamento e la Calabria…”primeggia”

A distanza di un anno dal primo lockdown gli italiani osservano meno i divieti e tornano alle vecchie abitudini nonostante le zone rosse. Questo si rileva dai dati del sesso a pagamento raccolti dal sito Escort Advisor, che attesta numeri in crescita esponenziale rispetto al 2020. E se le zone con il segno più, con in testa Trieste, vedono un giro di escort maggiore in alcune città della Sardegna (grazie ai periodi di zona bianca), nel monitoraggio degli annunci inseriti dai clienti la prima area di provenienza dei potenziali clienti è la città di Crotone. Il sondaggio è basato infatti sui dati di traffico del sito e la loro origine geografica.
Confrontando questi dati delle principali province nel primo trimestre del 2020 con quello del 2021, scopriamo infatti che gli uomini più viziosi si trovano nelle zone di: Crotone (+183%), Trieste (+136%), Latina (+127%), Imperia (+122%), Valle D’Aosta (+122%), Fermo (+117%), Verbano Cusio Ossola (+113%), Prato (+113%), Ascoli Piceno (+110%), Monza Brianza (+108%).

Rispetto al marzo dello scorso anno Escort Advisor ha registrato un aumento del 62% del traffico oltre ad una maggiore permanenza sul sito da parte degli utenti. Ciò indica una maggiore attenzione nella lettura delle recensioni e di conseguenza nella scelta della escort da cui recarsi in sicurezza. Le percentuali per provincia sembrano incredibili, ma non bisogna dimenticare che durante marzo 2020 il sesso a pagamento si è quasi fermato e si è riscontrato un calo degli annunci sui siti di settore pari al -94%.

Secondo quello che è considerato il primo sito di recensioni di escort in Europa, lo scorso marzo si è registrato in Italia un aumento di escort attive pari al +15% rispetto allo stesso mese del 2020, mentre sono aumentate del +23% le ricerche su Google dei loro clienti delle parole chiave “escort+città”. Mettendo a confronto su Google Trends la ricerca della parola chiave “escort” con “parrucchieri” e “ristoranti”, due servizi sempre ricercati perché al centro di riaperture e restrizioni, emerge che il termine più cercato dei tre, tra il 1 gennaio 2021 e il 31 marzo 2021, è stato proprio “escort” con una frequenza costante. Il termine “ristoranti” ha superato “escort” solo nei sabati di febbraio, quando in alcune regioni la ristorazione era aperta a pranzo e nel giorno di San Valentino.
Dai dati del primo trimestre ricavati dagli annunci pubblicati su tutti i siti di escort, si scopre una nuova geografia della presenza di lavoratrici del sesso in Italia. Tra le province con l’aumento maggiore si trovano: Trieste (+499%), Lodi (+217%), Vercelli (+178%), Cremona (+173%), Udine (+158%), Pordenone (+146%), Belluno (+142%), Piacenza (+134%), Ogliastra (+123%), Cagliari (+115%), Enna (+113%), Nuoro (+111%), Pavia (+109%), Padova (+106%), Rieti (+101%).  Non è un caso che tra le province più “vivaci” ce ne siano ben tre della Sardegna, unica zona bianca del 2021, che probabilmente è stata raggiunta da molte escort in tour.
Ma cosa cercano in questa “fase arancione” i clienti dalle professioniste del sesso? Tra i servizi più gettonati, oltre al “classico” rapporto sessuale, “masturbazione con mano”, “69”, “massaggio sensuale” e “sesso orale” superano di gran lunga altri servizi come “baci leggeri” e “baci profondi” che vengono poco richiesti e soprattutto offerti molto meno dalle escort. Un altro segnale di come il Covid abbia cambiato anche la relazione tra escort e cliente. Non cambiano invece certe tendenze come l’orario e il giorno della settimana in cui i clienti cercano maggiormente le escort: il lunedì alle 14.

SEGUICI SUI SOCIAL

142,034FansLike
6,832FollowersFollow
380FollowersFollow

spot_img

ULTIME NOTIZIE