Elettrificazione ferrovia Catanzaro-Lamezia: intervento in forte ritardo

ferrovia elettrificata

Catanzaro – «La Regione Calabria stigmatizza i forti ritardi con cui procede l’intervento di elettrificazione della tratta ferroviaria Lamezia Terme-Catanzaro». Lo afferma l’assessore alle Infrastrutture, Domenica Catalfamo, «a seguito dell’esame del documento pervenuto alla Regione Calabria a inizio maggio, in sede del Comitato di attuazione e sorveglianza (previsto dall’art. 7, comma 4 del Contratto istituzionale di sviluppo per il completamento della direttrice ferroviaria “Salerno-Reggio Calabria”, tenutosi lo scorso 25 maggio).

«Sulla base di quanto segnalato dalla Regione Calabria – spiega una nota dell’assessorato –, l’Agenzia per la Coesione, nella persona del Responsabile unico del contratto, con nota R.U. 6808 del 31 maggio 2021, ha chiesto al Nucleo di verifica e controllo dell’Agenzia (Nuvec) di effettuare un contraddittorio con Rfi, approfondendo lo stato degli interventi in corso».
«Nel corso della riunione del Comitato, infatti – prosegue la nota –, la Regione Calabria, come formalmente riportato anche nella nota dell’Agenzia per la coesione territoriale, ha manifestato l’esigenza che vengano approfonditi i fattori alla base dei ritardi che interessano l’intervento denominato di “Potenziamento infrastrutturale e tecnologico della linea Lamezia-Catanzaro-Sibari”».

LO SLITTAMENTO
«La Regione – si sottolinea –, sempre in sede del Comitato del 25 maggio, ha espresso anche profondo disappunto per lo slittamento di tre anni per il completamento degli interventi sulla linea. Proprio sull’argomento l’assessore Catalfamo aveva anche scritto nello scorso mese di aprile, al Mims e all’amministratore delegato e direttore generale di Rfi, sollecitando l’attivazione dell’iter di realizzazione dell’opera evidenziandone la rilevanza prioritaria per il territorio».
«L’elettrificazione della Lamezia-Catanzaro, infatti – si specifica –, consentirebbe l’attivazione di collegamenti ferroviari diretti efficaci tra Cosenza-Catanzaro e Reggio Calabria-Catanzaro che oggi sono estremamente complessi comportando una rottura di carico nella stazione di Lamezia, proprio a causa della mancata di elettrificazione della linea tirrenica e della linea ionica verso il capoluogo di Regione che si protrae da anni».
«SUPERARE RITARDI»
«Entro 30 giorni – è scritto ancora – il Nucleo di verifica e controllo predisporrà una relazione contenente anche eventuali proposte migliorative utili al rispetto delle tempistiche per l’attivazione dell’intervento, da sottoporre successivamente all’attenzione del Comitato di attuazione e sorveglianza. Come è emerso sempre in questi giorni, tale ritardo ha comportato anche lo spostamento dei fondi dal Por (che fissa la conclusione dei lavori al 2023) al Pnrr (che prevede la conclusione dei lavori al 2026). La presa d’atto di tali circostanze da parte dell’Agenzia comporterà certamente un monitoraggio sempre più stringente sulle attività di realizzazione di quanto programmato ma non ancora realizzato».

L’assessore Catalfamo auspica, infine, che «le iniziative istituzionali della Regione Calabria e dell’Agenzia per la coesione territoriale conducano a una rivisitazione del cronoprogramma attualmente previsto, superando gli annosi ritardi nell’attuazione di un intervento essenziale e imprescindibile per l’efficacia e la funzionalità del sistema dei trasporti regionale».