Duro affondo di Salvatore Borsellino contro la Lega: “imbarca ex inquisiti per ‘ndrangheta”

Salvatore Borsellino

In Calabria “la Lega imbarca esponenti che sono stati inquisiti anche per legami con la ‘ndrangheta. La Calabria oggi è la Sicilia degli anni Ottanta e l’unico obiettivo della Lega è ramazzare chiunque solo per qualche voto in più. Così non si fa la lotta alla mafia”. Sono le parole di Salvatore Borsellino in un’intervista al Fatto Quotidiano. Il leader del Carroccio, Salvini, invece, “usa Falcone e Borsellino come quando sventola il rosario: è solo un modo per accaparrarsi dei voti”- ha aggiunto il fratello del magistrato ucciso dalla mafia a Palermo il 19 luglio 1992 assieme a 5 agenti di Polizia.

Sulla questione Durigon – che ha proposto di intitolare il parco di Latina ad Arnaldo Mussolini invece che a Falcone e Borsellino- Salvatore Borsellino dice: Finchè Salvini “non farà dimettere Durigon… gli chiedo di non parlare più di mio fratello e di non partecipare più a cerimonie in Via d’Amelio”.
Si tratta di “uno sfregio alle vittime di mafia e a noi familiari che ogni giorno proviamo a tenerne viva la memoria. Mi ricorda la proposta di Gianfranco Miccichè che voleva cambiare il nome dell’aeroporto ‘Falcone e Borsellino’ di Palermo perché altrimenti i turisti che arrivavano sull’isola pensavano subito alla mafia. Una vergogna”. Secondo Salvatore Borsellino, la proposta di Durigon è “incompatibile con la sua permanenza al governo” e per questo dovrebbe dimettersi. Innanzitutto “Salvini dovrebbe allontanarlo dal suo partito, altrimenti dovrebbe essere Draghi a cacciarlo – ha commentato il fratello di Paolo Borsellino -: se il sacrificio di Falcone e Borsellino ha un significato è così che si dimostra”.