giovedì, 29 Settembre, 2022
HomeCalabriaDavide e Gabriele morti sulla SS 106, le parole del parroco al...

Davide e Gabriele morti sulla SS 106, le parole del parroco al funerale: Politici mettetevi le mani sulla coscienza

Il Direttivo dell’Organizzazione di Volontariato “Basta Vittime Sulla Strada Statale 106” ha ascoltato ed apprezzato l’omelia che ieri, il parroco padre Franceso Carlino, ha rivolto ai fedeli presenti durante il rito funebre nella Chiesa Matrice di Roccella Jonica, per l’ultimo saluto a Davide e Gabriele Origlia, due giovani vittime della strada Statale 106. Parole che condividiamo e che proprio per queste ragioni riportiamo di seguito, aggiunge l’Associazione.

«Dio non può sostituirsi all’inefficienza dello Stato che ha colpevolmente abbandonato al degrado le infrastrutture della costa ionica calabrese che quanto a viabilità – e parlo dell’ormai famigerata “strada della morte”, la 106 sulla quale hanno perso la vita Davide e Gabriele – è rimasta tale e quale ai tempi del fascismo.
Fermate questa strage infinita, mettetevi la mano sulla coscienza e ricordatevi che la Calabria non è la terra da menzionare solo per i problemi della malavita organizzata. Ricordatevi che già l’impero romano aveva capito che il progresso di un popolo passa attraverso vie di comunicazione sicure ed efficienti.
Basta con le parole e passate ai fatti. Da molti anni l’associazione “Basta vittime sulla strada statale 106” lo grida alle orecchie sorde di chi vuole ignorare il problema. La nuova 106 non è un optional secondario, ma questione di vita o di morte. Svegliatevi politici! Nessuno può lavarsi le mani come Ponzio Pilato o, peggio, usare la 106 solo per rimpinguare le casse dei comuni con ridicoli autovelox, installati non certo per garantire la sicurezza dei cittadini ma per fare cassa! E questo è sciacallaggio e non ricerca della sicurezza!
Se vogliamo davvero la sicurezza che lo Stato metta come priorità assoluta la nuova 106! Lo gridino i sindaci della costa jonica, con tutti i modi e con tutti i mezzi alle orecchie del ministro per le infrastrutture Giovannini! Uno Stato colpevolmente latitante crea convivenza sociale degradata e degradante! Non è colpa di Dio se Davide e Gabriele hanno perso la vita su quel tratto di strada, ma dell’inefficienza della politica e dello Stato!»
«Le parole di Don Francesco – dichiara Leonardo Caligiuri – sono il risultato di quello che la comunità roccellese sta vivendo nell’ultimo periodo: non possiamo dimenticare che oltre a Gabriele e Davide hanno perso in sei mesi sulla Statale 106 Giusy Bruzzese, Silvestro Romeo ed Alfredo Fregomeni. Sono parole dure come la pietra e vere come la vita che noi, come organizzazione di volontariato, non possiamo non apprezzare, non condividere e non rendere nostre perché ci appartengono».

SEGUICI SUI SOCIAL

142,268FansLike
5,951FollowersFollow
388FollowersFollow

spot_img

ULTIME NOTIZIE