x

x

martedì, 23 Luglio, 2024
HomeAttualitàCovid, da Unilavoro Pmi di Catanzaro un vademecum elaborato destinato alle aziende

Covid, da Unilavoro Pmi di Catanzaro un vademecum elaborato destinato alle aziende

Operativa la nuova stretta legata all’emergenza sanitaria. Il nuovo provvedimento del Governo, le cui disposizioni si applicano a partire dal 6 marzo e che saranno in vigore fino al 6 aprile, in considerazione dell’evolversi della situazione epidemiologica e l’incremento di nuovi casi sul territorio nazionale, disegna un nuovo scenario.
Cambiano infatti le regole, i divieti e i colori.
Zona rossa in tutta Italia per il fine settimana di Pasqua, e alternanza di colori, arancione e rosso, per tutte le regioni, dal 15 marzo al 6 aprile. Non ci saranno zone gialle perché troppo elevato il rischio epidemiologico.
La corsa del covid non si arresta e l’Italia, al fine di contenere l’ondata di contagi, da lunedi scorso si è tinta di rosso. Il Governo, con un nuovo decreto legge, ha approvato un nuovo Dpcm, che sostituisce quello precedente e che vara misure più restrittive. Queste nuove disposizioni, indifferibili, consentiranno ad alcune attività di rimanere aperte e ad altre di chiudere i battenti.
Le attività che rimarranno aperte dovranno attenersi alle misure restrittive varate dal nuovo decreto: seguire, scrupolosamente, le linee guida idonee e rispettare i protocolli, al fine di prevenire, e ridurre il rischio di contagio. Distanziamento interpersonale, pulizia e igiene degli ambienti, areazione naturale e ricambio d’aria, saranno le misure più importanti da adottare.
I commercianti, che avranno la possibilità di mantenere l’apertura dei propri esercizi commerciali, dovranno, altresì, far rispettare le misure anti-contagio che prevede, come noto, l’ingresso scaglionato dei clienti, differenziando, ove possibile, percorsi che indicano l’entrata e l’uscita.
Obbligatorio, tra le altre cose, l’esposizione di un cartello che indica il numero massimo delle persone a cui è consentito entrare nel locale. Obbligatorio, altresì, l’uso di mascherine e guanti per il lavoratori che vi operano e l’uso di guanti monouso negli esercizi in cui vi sono bevande e generi alimentari, da collocare, con annessi contenitori di gel, in prossimità delle casse.
Accorgimenti fondamentali che garantiscono ordine e sicurezza. Norme necessarie che devono essere rispettate con rigore. Lo sottolinea Sebastiano Guzzi, Vice Presidente Nazionale Unilavoro Pmi (nella foto), il quale, oltre a ribadire la necessità che le attività si attengano scrupolosamente alle norme e alle restrizioni previste con il nuovo decreto, invita tutti, a gestire, con buon senso, la quotidianità. Buone pratiche comportamentali a cui non ci si può sottrarre.
Alla sanificazione e messa in sicurezza dei luoghi di lavoro, si accompagna la predisposizione di adeguati livelli di protezione dei lavoratori insieme ad un’adeguata informazione dei lavoratori e dei soggetti esterni. Il mancato rispetto di queste misure, che sono restrittive, obbligatorie e fondamentali, può comportare la chiusura delle attività commerciali. Rischio nel quale è bene non incorrere.
Unilavoro Pmi, ha concluso Sebastiano Guzzi, ha predisposto un vademecum elaborato per la gestione del rischio coronavirus, che consente di districarsi in un oceano di norme e direttive, che fornisce informazioni alle aziende e agli stessi lavoratori e che ha l’obiettivo di porsi come strumento di orientamento.
(c.s.)

SEGUICI SUI SOCIAL

142,034FansLike
6,832FollowersFollow
380FollowersFollow

spot_img

ULTIME NOTIZIE