Coronavirus in Italia, il bollettino di oggi 3 maggio: 5.948 nuovi casi e 256 morti

- Advertisement -
Slider

Il nuovo bollettino coronavirus del Ministero della Salute di oggi lunedì 3 maggio 2021 registra 5.948 casi su 121.829 tamponi e 256 decessi. I pazienti ricoverati terapia intensiva per il Covid in Italia sono 2.490, in calo di 34 unità rispetto a ieri nel saldo quotidiano tra entrate e uscite, mentre gli ingressi giornalieri, secondo i dati del ministero della Salute, sono stati 121 (ieri 109). Nei reparti ordinari sono invece ricoverate 18.395 persone, in aumento di 50 unità rispetto a ieri. Le Regioni con il maggior numero di contagi sono la Campania (959), la Sicilia (734), il Lazio (661) e l’Emilia-Romagna (641)

  • Nuovi casi: 5.948 (ieri 9.148)
  • Casi testati: 46748
  • Tamponi (diagnostici e di controllo): 121.829 (ieri 156.872)
    • molecolari: 77339 di cui 5675 positivi pari al 7.34%
    • rapidi: 44490 di cui 271 positivi
  • Attualmente positivi: 423.558
  • Ricoverati: 18.395 +50 (ieri 18.345)
  • Ricoverati in Terapia Intensiva: -34, 2.490, 121 nuovi
  • Deceduti dopo un tampone postivo: 121.433
  • Totale casi positivi dall’inizio della pandemia: 4.050.708
  • Totale Dimessi/Guariti: 3.505.717
  • Vaccinati: 6.249.347 persone (20.755.863 dosi somministrate)
    ovvero l’84.1% delle 15.612.480 dosi consegnate da Pfizer, delle 2.207.900 consegnate da Moderna e dei 6.532.080 vaccini AstraZeneca 336.800 le monodosi Janssen prodotti da Johnson & Johnson. Sul sito del Governo il report aggiornato dei vaccini. Ieri somministrate 358.474 dosi (di cui 123mila seconde dosi) rispetto alle 500mila auspicate dal piano vaccinale.
  • Chi ha avuto il vaccino. La campagna vaccinale ha visto somministrate ad oggi 3 maggio 2021 il seguente numero di dosi: 6.292.723 dosi a over 80; 3.154.480 a settantenni; 1.252.876 a sessantenni. Quanto alla messa in sicurezza delle strutture socio assistenziali risultano vaccinati con 655.937 dosi gli ospiti delle Rsa, 3.345.854 dosi a soggetti fragili e caregiver, 3.253.765 a operatori sanitari e 895.328 a lavoratori del comparto sanità. Risultano inoltre che 1.172.160 dosi siano state destinate a professori o personale scolastico e 328.121 a agenti delle forze dell’ordine. 404.619 dosi sono invece finite a persone non ricomprese nelle categorie per le quali è già stata aperta la campagna vaccinale.