Cinque medici dell’ospedale di Cetraro rinviati a giudizio per la morte di Santina Adamo

- Advertisement -
Slider

Il giudice per le indagini preliminari del tribunale di Paola, Maria Grazia Elia, ha disposto il rinvio a giudizio, per la morte di Santina Adamo, a carico di due ginecologi, due medici specialisti in anestesia e rianimazione e un’ostetrica, tutti in servizio presso l’ospedale di Cetraro (CS).

- Advertisement -

La giovane di soli 37 anni e residente a Rota Greca, morì il 17 luglio dello scorso anno dopo aver dato alla luce in modo naturale il suo secondo figlio a causa di una forte emorragia. Secondo la tesi accusatoria della procura di Paola, rappresentata dal pubblico ministero Valeria Teresa Grieco che ha coordinato le indagini, i sanitari avrebbero ritardato la richiesta e la somministrazione di sangue. La donna sarebbe morta per uno shock emorragico post parto. La prima udienza in Tribunale sarà presieduta da Alfredo Cosenza ed è in programma per il prossimo 10 dicembre.