lunedì, 15 Agosto, 2022
HomeCatanzaroCatanzaro, l'ispettore "talpa" che invece di indagare "tutelava" gli imprenditori

Catanzaro, l’ispettore “talpa” che invece di indagare “tutelava” gli imprenditori

Catanzaro – Fra gli indagati dell’operazione “Brooklyn” condotta dalla Guardia di finanza di Catanzaro e coordinata dalla Dda del capoluogo che ha portato all’esecuzione di sei misure cautelari c’è anche l’ispettore della Finanza Michele Marinaro, 52 anni, residente a Girifalco (CZ) finito in carcere e che è già stato coinvolto nell’operazione “Rinascita-Scott”.

Marinaro, Maresciallo della Guardia di Finanza in servizio presso la Sezione Operativa della Direzione investigativa antimafia di Catanzaro e successivamente alle dipendenze della Presidenza del Consiglio, risulta adesso anche indagato per corruzione in atti giudiziari e rivelazione di segreto d’ufficio per fatti commessi quando era in servizio presso la Direzione Investigativa Antimafia di Catanzaro. Il consistente quadro indiziario che ha giustificato l’adozione della misura cautelare, è nel senso che il militare, nello svolgimento di indagini delegate sui due imprenditori, in cambio di utilità di vario genere, si adoperava per attenuare la posizione dei due, informandoli costantemente dello sviluppo del procedimento nei loro confronti.

SEGUICI SUI SOCIAL

142,056FansLike
5,789FollowersFollow
387FollowersFollow

spot_img

ULTIME NOTIZIE