x

x

martedì, 16 Aprile, 2024
HomeCalabriaCalcio, il calabrese Francesco Calzona nuovo allenatore del Napoli

Calcio, il calabrese Francesco Calzona nuovo allenatore del Napoli

Il calabrese Francesco Calzona sarà il nuovo allenatore del Napoli. L’attuale Commissario Tecnico della Nazionale Slovacca è stato contattato dalla dirigenza napoletana per sostituire Walter Mazzarri. Per il ct della Slovacchia, che quindi ricoprirà il doppio ruolo visto che a giugno sarà a Euro 2024, una sfida che partirà decisamente in salita visto il primo impegno in Champions League contro il Barcellona anche se dalla sua avrà una profonda conoscenza dell’ambiente partenopeo, essendo stato in passato collaboratore sia di Maurizio Sarri che di Luciano Spalletti proprio a Napoli, oltre all’aiuto di una bandiera azzurra come Marek Hamsik.

LA CARRIERA DI FRANCESCO CALZONA
Francesco Calzona, 55 anni, originario di Cessaniti, in provincia di Vibo Valentia, da calciatore riesce a mettere insieme anche qualche presenza in Serie B con l’Arezzo, poi inizia la gavetta da allenatore in Umbria con la Castiglionese nel 2004 e in seguito con il Torrita in Toscana lavorando nel frattempo come venditore ambulante di caffè. Nel 2007 arriva la svolta, Maurizio Sarri (allora all’Avellino) lo vuole come suo vice-allenatore, ruolo che ricoprirà anche nelle successive avventure dell’attuale tecnico della Lazio: Perugia, Alessandria, Sorrento, Empoli e infine Napoli dove conosce per la prima volta l’ambiente di Castel Volturno. Il rapporto col Napoli si interrompe con l’addio di Sarri ma Calzona torna ben presto in azzurro con Luciano Spalletti.

Slide
Slide
Slide

Non fa in tempo a vincere lo scudetto dello scorso anno perché nell’agosto del 2022 arriva la classica telefonata che gli cambia la vita. “Ero a fare carburante in una stazione di servizio – aveva raccontato Calzona – quando ricevo una chiamata di Marek Hamsik. Con lui eravamo rimasti in contatto dai tempi di Napoli ma non avrei mai pensato che mi chiedesse: ti interessa allenare la Slovacchia? Gli ho detto: finisco di far gasolio e ci penso. Ma non potevo dire no, infatti l’ho richiamato subito dopo”.
Nonostante lo scetticismo iniziale, Calzona riesce nell’impresa di qualificare per la prima volta la Slovacchia a un campionato europeo chiudendo secondo il girone J dietro al Portogallo, col quale comunque nei due scontri diretti perde di un solo gol di scarto (0-1 e 2-3). Ventidue i punti assieme dalla nazionale slovacca, frutto di 7 vittorie, un pari e due sconfitte con 17 gol fatti e 8 subiti.

SEGUICI SUI SOCIAL

142,078FansLike
6,759FollowersFollow
380FollowersFollow

spot_img

ULTIME NOTIZIE