giovedì, 9 Dicembre, 2021
HomeCronacaBombardieri: "A Reggio parte della pubblica amministrazione asservita a clan"

Bombardieri: “A Reggio parte della pubblica amministrazione asservita a clan”

Reggio Calabria – “L’inchiesta ‘Chirone’ conferma, ancora una volta, la forza della penetrazione, i condizionamenti, l’asservimento della parte illegale della pubblica amministrazione nei confronti della ‘ndrangheta in molte delle attività istituzionali in provincia di Reggio Calabria”. Lo dichiara il procuratore capo di reggio Calabria, Giovanni Bombardieri.
“Il settore, ancora una volta – fa rilevare – è quello della sanità e della salute, in particolare i servizi erogati dall’Asp di Reggio Calabria, in atto commissariata per infiltrazioni mafiose. L’inchiesta – continua Bombardieri – consente di ricostruire i rapporti di cointeressenza di alcuni soggetti intranei o collegati allo storico clan Piromalli-Molę di Gioia Tauro, che giungono ad esercitare pressioni per pilotare nomine dirigenziali delle strutture dell’ Asp di reggio Calabria, in particolare nella sua proiezione territoriale tirrenica, al fine di “costruire” referenze interne da finalizzare ai propri illeciti interessi e con il risultato della affermazione del proprio potere ‘ndranghetista sul territorio, come peraltro riferito da numerosi collaboratori di giustizia”.
La Procura della Repubblica di Reggio, assicura il prcocuratore, “continuerà comunque ad esercitare il suo impegno istituzionale per salvaguardare il diritto dei cittadini alla salute continuando ad incalzare le eventuali connivenze degli apparati pubblici con le organizzazioni criminali e mafiose in difesa non solo dei cittadini, ma della libertà d’impresa così duramente colpita in questa provincia”.

SEGUICI SUI SOCIAL

140,560FansLike
5,382FollowersFollow
328FollowersFollow
spot_img

ULTIME NOTIZIE