x

x

giovedì, 30 Maggio, 2024
HomeCalabriaBasta fake news sul prof che si è dato fuoco a Rende:...

Basta fake news sul prof che si è dato fuoco a Rende: “Mio cugino non era un no vax, rispetto e silenzio”

Lotta per la vita al centro grandi ustionati dell’ospedale “Cardarelli” di Napoli l’insegnante calabrese di 33 anni che, nella mattinata di ieri, si è dato fuoco davanti la caserma dei carabinieri a Rende (CS). Era regolarmente vaccinato contro il Covid e mercoledì aveva chiesto un permesso di due giorni al dirigente scolastico per tornare in Calabria a trovare i familiari. Nella scuola lombarda di Rozzano in cui insegnava era apprezzato e stimato.

Nelle ore successive voci e post incontrollati hanno fatto da “tragico” corollario alla vicenda. Tra le false informazioni circolate e veicolate in numerose chat quella che il gesto sia stato compiuto in quanto il professore era stato sospeso e senza stipendio a causa della sua scelta di non vaccinarsi. Una notizia totalmente priva di fondamento.
La conferma è arrivata dal cugino M.D.S. che ha scritto: “Il prof che si è dato fuoco a Rende è mio cugino. Il gigante buono. Oltre al video in cui è ripresa la scena girano delle foto in ambulanza, un gesto vile e incivile che non tiene conto della dignità delle persone e non rispetta i familiari. Familiari che da lontano aspettano di avere notizie dai medici, ed aspettano con la consueta umiltà e umanità che da sempre caratterizzano ogni membro della Famiglia. Ma oltre al video e alle foto, leggo articoli e post scritti da speculatori senza scrupoli. Tralasciando le motivazioni economiche, c’è chi enfatizza il gesto come quello di un prof no vax sospeso. Al netto che la notizia è falsa, ma come si fa a speculare su un gesto così estremo? Le motivazioni verranno fuori, ed anche se non venissero fuori silenzio e rispetto parole ormai dimenticate ma d’obbligo in un momento così delicato. Gigante buono scusa se sono mancato per un pò”- conclude il cugino.

Slide
Slide
Slide
ragi

Intanto il comandante dei carabinieri di Rende Maria Chiara Soldano ha fatto sapere che “Gli accertamenti svolti dai carabinieri a seguito dell’episodio che ha visto coinvolto un soggetto che nella mattinata di ieri ha tentato il suicidio dandosi fuoco davanti la caserma dei carabinieri hanno consentito di appurare che lo stesso svolgeva regolarmente l’attività di pubblico impiego in qualità di insegnante ha aderito alla campagna vaccinale. Per cui si smentisce la notizia di una sua presunta sospensione”.

SEGUICI SUI SOCIAL

142,034FansLike
6,832FollowersFollow
380FollowersFollow

spot_img

ULTIME NOTIZIE