Autorità idrica, riunione della conferenza territoriale di Catanzaro

- Advertisement -
Slider

Prima conferenza territoriale di zona dell’ autorità idrica che si è riunita nel palazzo della Provincia di Catanzaro.

 

Una riunione molto partecipata e con tanti interventi sia tecnici che politici che hanno lasciato interessanti spunti su cui lavorare. Dopo i saluti istituzionali del presidente Marcello Manna sindaco di Rende  la parola è stata ceduta al Sindaco di Catanzaro Sergio Abramo quale soggetto ospitante che non ha fatto mancare il suo contributo tecnico e politico sulle azioni intraprese e da intraprendere, sottolineando, tra l’altro e con orgoglio, anche i risultati raggiunti nel percorso di definitiva costituzione dell’Ente d’Ambito.

Il direttore generale Francesco Viscomi ha relazionato in merito alla programmazione delle attività traguardando ad un disegno organico dello sviluppo del servizio anche attraverso interventi puntuali e risolutivi di criticità sulle quali si può intervenire agevolmente e in tempi brevissimi, compatibilmente con le azioni pianificate nel Piano d’Ambito regionale.

GLI ALTRI INTERVENTI

A seguire l’intervento del vicepresidente Alessandro Falvo sindaco di Cicala, il quale ha posto l’attenzione sull’importanza di fare bene ed in fretta tutti i passi necessari per raggiungere la piena operatività attraverso la società in house che dovrà necessariamente accelerare le procedure per addivenire nel più breve tempo possibile alla mission che la norma assegna all’AIC.  Forte apprezzamento sull’operato di So.Ri.Cal che, attraverso il proprio Commissario, sta mettendo in campo ogni azione volta al superamento delle criticità gestionali.

Unanime la necessità di incontrare a brevissimo il presidente della Regione Spirlì, l’assessore all’ambiente della Regione Calabria, l’Autorità Idrica ed il Commissario So.Ri.Cal al fine di calendarizzare a tappe forzate le successive fasi e i reciproci impegni, dando finalmente corpo e sostanza alla più grande società in house della storia Calabrese.

Sono seguiti gli interventi del sindaco di Marcellinara Vittorio Scerbo, di Tiriolo Domenico Greco, di Amaroni Gino Ruggiero, di Sellia Marina Francesco Mauro, di Magisano Fiore Tozzo, che, oltre a evidenziare le problematiche locali sulle reti di adduzione di distribuzione, hanno manifestato grande apprezzamento per l’operato dei vertici dell’AIC e della Regione Calabria che ha dimostrato grande sensibilità nei confronti dei sindaci e larghe vedute in ambito idrico che sicuramente, auspicano, porteranno al risultato atteso da quasi tutti i calabresi che corrisponde ad un servizio idrico integrato, efficiente e possibilmente anche più economico.