x

x

domenica, 25 Febbraio, 2024
HomeCalabriaAsti, per l'omicidio del tabaccaio confermati i 30 anni per i cinque...

Asti, per l’omicidio del tabaccaio confermati i 30 anni per i cinque imputati

La Corte d’Assise d’Appello di Torino ha confermato 30 anni di pena a ognuno dei cinque imputati per l’omicidio di Manuel Bacco. Il tabaccaio fu ucciso nel suo negozio il 19 dicembre 2014 a 37 anni.

Ad essere condannati Antonio Guastalegname, cinquantadue anni, imprenditore di Castello di Annone, ma originario di Vibo Marina, Domenico Guastalegname, ventisette anni, originario di Vibo Marina, Giuseppe Antonio Piccolo, ventinove anni, di Nicotera, Fabio Fernicola, quarantadue anni, di Asti e Jacopo Chiesi, ventisette anni, pizzaiolo di Castello d’Annone. Il procuratore generale in Appello aveva chiesto l’ergastolo per tutti.

Slide
Slide
Slide

Anche in primo grado il pm Laura Deodato aveva chiesto l’ergastolo, con l’accusa di omicidio aggravato e tentata rapina, ma erano cadute le accuse per il tentato omicidio di Cinzia Riccio (vedova di Bacco e parte civile con gli avvocati Mirate e Vitello). Accuse che sono cadute nuovamente anche oggi in Appello e hanno portato così alla conferma della condanna di primo grado. Le motivazioni saranno depositate entro 90 giorni.

Presente in aula oggi a Torino, accompagnata dalla mamma Adriana e dal suo avvocato, Giuseppe Vitello, Cinzia Riccio, la vedova di Manuel Bacco. “Ero tesa – spiega dopo la conferma della condanna a 30 anni per i cinque imputati – finalmente questa vicenda si chiude. Sono contenta, anche se Manuel non mi verrà restituito”.

SEGUICI SUI SOCIAL

142,100FansLike
6,651FollowersFollow
380FollowersFollow

spot_img

ULTIME NOTIZIE