Associazione “Basta Vittime sulla SS 106” presenta esposto su lavori rotatoria “Zolfara”

- Advertisement -
Slider

L’Associazione “Basta Vittime Sulla Strada Statale 106”, questa mattina, come annunciato nei giorni scorsi, ha presentato un Esposto presso la Procura della Repubblica di Castrovillari avverso all’Anas Spa ed al Comune di Corigliano-Rossano a seguito dell’avvio dei lavori di realizzazione della rotatoria di Zolfara in contrada Toscano e, quindi, dell’installazione di un semaforo a intermittenza che veicola il traffico su un’unica carreggiata, con l’altra occupata dai lavori che di fatto rendono ancor più pericolosa la Statale 106.
L’Associazione ha specificato che i lavori insistono in un tratto di strada Statale 106 che non offre la possibilità alternativa di poter essere superato se non percorrendo 60 chilometri di strada di montagna; che l’imbuto venutosi a creare ha generato, in diverse ore del giorno, file chilometriche; che i pericoli ed i disagi insistono nella popolosa contrada di Toscano, animata da una miriade di attività commerciali presenti lungo la Statale 106 che viene quindi frequentata anche a piedi da cittadini residenti e da turisti; che nelle ore notturne, i pericoli ed i disagi diventano ancora più evidenti.
L’Associazione ha fatto rilevare, inoltre, che tutto ciò, è destinato a divenire più pericoloso, nei prossimi giorni a seguito dell’aumento del traffico dovuto all’arrivo di nuovi turisti e poi dal 18 luglio con l’apertura dell’Aquapark Odissea 2000.
Nel caso in cui non sarà subito rimosso l’impianto semaforico installato, nella malaugurata ipotesi in cui dovesse accadere qualcosa a danno dei cittadini per merito delle responsabilità dirette o indirette dovute alle incredibili scelte assunte da Anas Spa, “adirermo alle vie legali e, anche per questa motivazione, il testo integrale dell’Esposto presentato in data odierna è stato inoltrato, insieme a tutti gli atti annessi, a Studio 3A, partner legale dell’Associazione ‘Basta Vittime Sulla Strada Statale 106’”.