Aria GELIDA in Calabria, freddo e NEVE a bassa quota o fino in PIANURA.

Nel corso di questo weekend il quadro meteorologico ha subito una brusco e freddo peggioramento. Un deciso afflusso d’ARIA GELIDA proveniente direttamente dalle regioni polari è tutt’ora in ATTO soprattutto su alcuni angoli del Paese dove ci attendiamo la NEVE a quote molto basse o addirittura fino in PIANURA. Vediamo dunque come evolverà la situazione meteo e soprattutto DOVE si faranno sentire maggiormente gli effetti dell’aria gelida nelle PROSSIME ORE.

Da segnalare un ulteriore e generalo calo termico e i forti venti dai quadranti settentrionali che investiranno soprattutto il Sud dove ci attendiamo un deciso aumento del moto ondoso con mare grosso in particolare sull’area ionica.

Come già accaduto nelle precedenti 24 ore, sotto stretta osservazione saranno ancora una volta le Regioni del medio-basso Adriatico a gran parte del Sud. Rovesci nevosi fino a quote bassissime e localmente in pianura colpiranno l’Abruzzo, il Molise con fiocchi bianchi fino a 100-200 metri di quota sull’area più interna della Campania. Piogge, temporali e neve a quote basse inoltre sui comparti centro-settentrionali della Puglia, gran parte della Basilicata, la Calabria ionica e la fascia nord della Sicilia.

Il freddo maltempo insisterà sulle medesime zone, seppur in fase di graduale attenuazione, altresì nel corso della sera e della notte successive fino alla prima parte del Lunedì per poi esaurirsi nel corso della giornata.

Sul resto del Paese gli effetti dell’aria gelida si faranno sentire solo sul fronte termico. Le temperature faranno registrare infatti un generale calo ma il contesto meteo risulterà decisamente più tranquillo a in parte anche discretamente soleggiato salvo la presenza di un po’ di nubi a spasso per la Val Padana.